“Human Nature” inaugura quest'ep di “Ant the Kitchen”, che è una one man band. E ci tengo a sottolinearlo: one man band e nessuno di questi brani lo farebbe intuire. Il disco parte con una voce scura e un riffone alla Pearl Jam degli anni buoni, ma il risultato non convince del tutto, colpa di una registrazione a bassa fedeltà che fa disperdere la botta sonora. “Happy Medium” si mette dalle parti di certi Flaming Lips o del mai troppo sfruttato Syd Barrett, ma dopo nemmeno un minuto spunta un sintetizzatore che non dovrebbe esserci: rallenta e banalizza un pezzo che, se lasciato solo voce e slide, avrebbe avuto più di una chance per rimanere impresso nella memoria di chi ascolta.

In "Against" irrompono i Depeche Mode in maniera un po' troppo didascalica. “Funny Game” è un altro brano dalle venature blues, potenzialmente interessante ma, anche questa volta, penalizzato da registrazione e mixaggio. “Bedroom” gioca nuovamente con synth e drum machine e perde la mano. In “Roots” vengono fuori i Joy Division, sinceramente li stavo aspettando; è sicuramente il pezzo meglio riuscito. “Slow Ant” è nostalgico, malinconico, un buon pezzo di chiusura per un EP che, però, lascia l'amaro in bocca. Troppe idee a cui serve una direzione maggiormente precisa e un buon fonico che sappia dar loro una forma compatta e ben equilibrata. Perché questa one man band ha tante qualità, la voce in primis.

Inutile allora copiare Dave Gahan. Inutile continuare a proporre tanti spunti se poi non si ha ancora la capacità di tenerli insieme. Togliere i fronzoli, limare le intuizioni migliori e potremmo ottenere un progetto più che interessante.


Leggi gli articoli più popolari questa settimana:


vedi tutti >

Ultimi contenuti su Ant The Kitchen


Commenti (1)

  • 13/05/2012 ore 16:51 Ant The Kitchen @Ant

    Grazie Matteo e Rockit per la recensione!!
    Nelle mie ultime canzoni ho migliorato la qualità audio, ti invito all'ascolto su facebook o soundcloud, grazie comunque sia per le lodi che per le critiche costruttive!

pubblica su facebook