Gli Agosto su Marte vengono da Palermo. Invidiano la vita sociale dei cani randagi, sognano fiumi in cui immergere le mani per ritrovare un contatto con la natura e odiano la velocità. Nel loro disco d'esordio parlano soprattutto di fuga.