Litfiba - Approfondimento Modernariato

01/09/1999 di Federico Guglielmi



Come ben sanno i fan "storici" del gruppo fiorentino, all'interno di "Desaparecido" - il primo, vero album dei Litfiba - è contenuta una breve "presentazione" da me scritta sull'onda dell'entusiasmo per quella che ritenevo forse l'unica band nostrana del periodo a poter legittimamente aspirare a grandi traguardi commerciali. Da allora sono trascorsi quasi quindici anni, e molta acqua è passata sotto i ponti dell'Arno: i Litfiba non sono più gli stessi (almeno ora come ora, anzi, non sono e basta) e quasi tutti gli estimatori di un tempo li hanno abbandonati, ma in compenso la loro notorietà e le loro vendite hanno raggiunto livelli nei quali nessuno, nei giorni della prima I.R.A. e degli eroi nel vento, avrebbe mai osato sperare. Quelle mie brevi note non sono comunque state smentite dai fatti, visto che "Desaparecido" ha senza dubbio rappresentato il "punto d'avvio" del più importante percorso compiuto da esponenti del rock italiano degli anni '80. Riletti oggi, i miei commenti d'epoca ai primi dischi dei Litfiba - dal mini-LP d'esordio del 1982 fino, appunto, a "Desaparecido" - mi sembrano un po' eccessivi, ma non li rinnego; anch'essi, nel loro piccolo, rispecchiano l'ingenuità e l'entusiasmo di un momento assai particolare, senza il quale l'evoluzione della musica nazionale sarebbe stata molto diversa.



Modernariato (menù)

Guerra (EP)
Intervista
Luna (Single)
Eneide di Krypton
Yassassin (EP)

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    “Fabrizio De André. Principe libero”, il film con Luca Marinelli arriva al cinema come evento speciale