Mi piace definire il mio album come un rudimento, un esordio di un nuovo genere che potrebbe chiamarsi "post-rap". Il desiderio e il vuoto, la fantasia di abitare il nulla, sono i punti cardine delle liriche. I suoni che accompagnano le parole sono la calligrafia dell'istinto.