< PRECEDENTE <
RECENSIONE
12/10/2011

Oscura cadenza per l'ouverture ("D'improvvisa rabbia e rancore") di questo distillato di poesia metropolitana – tutto molto "affollato" in questi solchi, un brulicare di strada, di simbologia certo adusa (tra battone, marciapiedi disperati e merda da ingoiare), ma qui declinata con conturbante efficacia. La poesia sta parecchio nell'intenzione, e questo lavoro di Maurizio Iorio (ex Moltheni) e soci ne è un esempio calzante; raffinato equilibrio tra recto e verso, tra rock ed elettronica, tra parola parlata in punta di basso e standard formalizzati da una batteria ipnotica.

È inevitabile, quando si parla di verseggiar rabbia in musica, tutto soffre di prodromi referenziali, e allora Massimo Volume (nella già citata opener e in "La frenetica sinfonia dell'angoscia"), CSI, Offlaga Disco Pax e, last but not least, i readings avant-core di Simone Molinaroli diventano l'area semantica da cui difficilmente si può prescindere. Nondimeno, il trio in questione gioca le sue carte con credibile follia lucida: in questo senso, la sesta "L'amore disattivatto" offre uno spaccato veritiero e truce delle nostre reciproche schermaglie emotive.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (2)
Carica commenti più vecchi
  • SillyPutty 12/12/2011 ore 10:55

    Ho comprato il disco su consiglio di un amico mio e da una settimana non ascolto altro! Veramente bello! notturno e elettrico.

    > rispondi a @SillyPutty
  • Distorsonic 17/12/2011 ore 19:31

    Oh grazie grazie ! Ci hai fatto battere forte forte il cuoricino. Per davvero.

    > rispondi a @distorsonic
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >