< PRECEDENTE <
album Dossy is Back - Dossi Artificiali

Dossi Artificiali

Dossy is Back

2010 - Rock, Alternativo, Electro

RECENSIONE
31/10/2011

Dossy is back. Chitarre e synth. Basso, tastiera, batteria e pad. Subsonica e Bluvertigo nel cuore. Poi i Negramaro. Occhiata più che maliziosa al cantautorato italiano e ai suoi paladini più moderni. Tanta voglia di sperimentare e di aggiungere nuovi elementi alla tradizione pop unita all'elettronica. Sferzate rock e funky. Ballate d'antan e molti orpelli strumentali. Un po' di confusione e amalgama non convincente. Il desiderio di mettersi alla prova e ricercare combinazioni originali si trasforma in incoerenza, in componenti sonore che esulano dal contesto. Alternanze poco riuscite dei pezzi.

Si sente che nei Dossi Artificiali militano musicisti curiosi, a cui piace "giocare" e stupire. Riescono a coinvolgere con brani come "Fame d'aria", energica e grintosa e "Sine qua non", più dolce e delicata. Queste, le due anime del progetto. Le botte e le carezze. Cambi di rotta troppo bruschi e che lasciano perplessi, un po' storditi. Effetto crisi di identità. Le tracce non sono state composte da mostri del pop e nonostante alcuni elementi funzionino, si percepisce chiaramente una pesantezza in molti dei ritornelli, che si trascinano stanchi anche a causa di un cantato meno ispirato nei decolli e nei climax. Occorre un'operazione di "desaturazione". Un processo creativo da percorrere mediante la sottrazione. Una fusione fra sofisticatezza e ricerca di un linguaggio più immediato.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >