< PRECEDENTE <
RECENSIONE
22/08/2019

Con alle spalle tre dischi e centinaia di concerti in Italia e all'estero, i Molotov d'Irpinia ritornano con un nuovo album d'inediti: "Amore a Prima Festa". Ed è proprio la festa a fare da filo conduttore all'intero lavoro, caratterizzato da un'energetica e prorompente unione tra rock, folk e ska. Sin dalla prima traccia, "Chi guida?!", veniamo catapultati dinanzi ad un falò in spiaggia, dimenticando presto i problemi che costellano il nostro quotidiano grazie alla semplice immaginazione di un bicchiere di vino, della luce delle stelle e il suono del mare. Come in un falò che si rispetti, arriva poi il momento della serenata d'amore ("La vodka e la birra"), con le sue frasi sdolcinate quanto romantiche à la "come te ce n'è solo una in tutta l’Europa". Occorre però fare attenzione, perché dietro alle gioiose melodie dei vari brani che vanno a comporre il disco, spesso si celano tematiche profonde. Si passa da quelle più "leggere", come la fine di una storia d'amore nascosta dietro la frenetica ritmica in levare di "Gate quarantacinque", sino a quelle più delicate, come la depressione, che spesso viene dissimulata da un sorriso. Dalla critica al consumismo ("L'albero per pisciare"), sino al rimprovero della nostra ossessiva ricerca della perfezione estetica ("Il tuo lato migliore").

"Amore a Prima Festa" si presenta quindi come un disco tutto da ballare, al primo ascolto, che si lascia poi approfondire rivelandoci pian piano i suoi aspetti più intimi. Un ritorno in grande stile, da riascoltare assolutamente!

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >