< PRECEDENTE <
album Dead Rituals - Dead Rituals

Dead Rituals

Dead Rituals

2019 - Shoegaze, Pop punk, Alternativo

RECENSIONE
03/10/2019

Andrea Caccese dà vita alla sua nuova creatura, i Dead Rituals, presentandoli con un ep di quattro pezzi dalla malinconia Eighties e sentori Ninetines che si intrecciano con i suoni più liquidi e distesi del terzo millennio. Leggendo, nella scheda curata dall’artista, l’accostamento del “pop punk” con lo “shoegaze” si può rimanere un attimo interdetti o si potrebbe pensare a un tentativo dell’artista di stupire, fuorviare, sfuggire in ogni modo alle etichette dichiarandosi indipendente da esse; invece lungo i primi quattro pezzi di questa “one man band” si possono straordinariamente ritrovare davvero influenze punk/new wave, soprattutto nel drumming irrequieto, accostate ad un gusto jangle pop nostalgico e “indie” nelle melodie e con i suoni dilatati e sognanti dello shoegaze, soprattutto nelle chitarre che si mostrano ariose e ipnotiche seppur ricche di riff concitati.

Le composizioni sono nate in giro per il mondo, soprattutto tra New York, Melbourne e Napoli, tutte metropoli dove Caccese ha anche registrato l’ep, e infatti aver respirato ossigeno (e smog) di qualità diverse e aver attraversato panorami sempre nuovi ha permesso all’artista di avere una visione più ampia e ispirata da trasmettere alla sua musica.

Ciò che è certo è che questo ep scorre nelle vene come una droga facendo venire continuamente voglia di spingere il tasto play subito dopo le ultime note della conclusiva “Enough”.

 

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    > PROSSIMA >