< PRECEDENTE <
RECENSIONE
31/12/2006

Nuvole basse e sapori umidi di grigio come in terra d’Albione, e chilometri di pioggia fina con sottofondi very english. I Chewmytongue si dilatano nel mattino con attitudine perfetta, asciutti e col basso in prima linea, così mi ricordo la new-wave. Voce effettata ché è anch’essa uno strumento, noisin’ leggero leggero come Pixies a colazione, ombre di Interpol e suoni anni ottanta. Aperture dolci in “I feel fine”, ammiccamenti ipnotici nella notturna “Heavy steaks in Amsterdam”, volteggi e ripensamenti tra slanci pop e introspezioni in bianco e nero. Convincenti e compiuti, i Chewmytongue realizzano un lavoro che centra in pieno la stagione e promette bene: come il cielo di dicembre che tradisce una vena di azzurro.

Tracklist

00:00
 
00:00
Commenti (3)
Carica commenti più vecchi
  • noisectomia 04/01/2007 ore 13:41

    suonano da giancarlo murazzi a torino l'1 febbraio

    > rispondi a @noisectomia
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >