Descrizione

Il nuovo disco dei Fast Animals And Slow Kids si chiamerà HYBRIS, pronunciato UBRIS non IBRIS.
È un disco registrato nel novembre 2012 in una casa in riva a un lago, immersa in uno di quei luoghi dove si crescerebbe bene un figlio.

È un disco fatto da persone che si stimano e che volevano realizzarlo vivendo insieme per tanti giorni.
È un disco nel nome dell'?amicizia perché realizzato con strumenti, consigli ed energie di cari amici.
È un disco che parla di morte, di violenza, di solitudine, di ricordi, di fratellanza, di sogni incompiuti.
È un disco molto sentito ma che non vuole insegnare nulla; vuole solo raccontare qualcosa, come quando un bicchiere si riempie e poi si svuota, più volte al giorno.
È un disco da metabolizzare, da ascoltare almeno una volta dall'inizio alla fine perché i brani che lo compongono sono intimamente connessi.
È un disco diverso dal precedente perché più tracotante, più epico, più cupo.
È un disco fatto principalmente per noi stessi, per non nascondere più nulla, soprattutto le nostre origini musicali.
È un disco con un sorriso a trentaquattro denti, due spezzati.
È un disco che è la cosa migliore che i Fast Animals And Slow Kids potevano realizzare in questo momento e sperano con tutto il cuore che vi possa piacere tanto quanto piace a loro.
È un disco fatto in collaborazione con WoodWorm, Toloselatrack e Audioglobe.
Aimone Romizi/FASK

Leggi la recensione Video in questo album (2)

Commenti (15)

  • kozmic_dancer 25/02/2013 ore 20:23 @kozmic_dancer

    Ho sentito sul tubo Dove sei, non mi ha fatto impazzire, un po' monotona, spero nelle restanti 10 tracce.

  • flaviolucci 27/02/2013 ore 14:45 @flaviolucci

    Un pasto al giorno è favolosa.

  • Luca Monopoli 13/03/2013 ore 18:55 @luca.monopoli.31

    È un disco incredibile ragazzi, pezzo dopo mezzo. Monotono un paio di coglioni, avanti così, ci si vede all'alcatraz il 21

  • kozmic_dancer 14/03/2013 ore 23:06 @kozmic_dancer

    Calce sta per diventare la mia nuova canzone preferita dei FASK, e una delle mie preferite italiane. Disco stupendo,
    ribadisco che l'unica traccia che non mi convince è Dove sei, spero di cambiare idea presto!

  • EstragonLab 15/03/2013 ore 10:04 @30820#estragonbooking

    bravissimi
    come sempre

  • Ginebra 16/03/2013 ore 14:30 @ginebra

    molto molto interessante..complimenti

  • James Valeriani 16/03/2013 ore 15:47 @giacomo.valeriani

    Mi piace molto l'intero album, soprattutto combattere per l'incertezza, un pasto al giorno e farse...in queste canzoni mi ricordano il teatro degli orrori..complimenti!!

  • logorreami 18/03/2013 ore 20:18 @logorreami

    Schietti senza troppi fronzoli o voglia di dimostrare chissà cosa . Siete sempre genuini e questo mi piace ! Grandi Fask !

  • Nicola Bonardi 05/04/2013 ore 18:00 @nicko

    grandissimi. sempre meglio.

  • fabrizio accogli 11/04/2013 ore 10:22 @gilgamesh92

    FANTASTICI!!! Aspettavo Abete dall''Italia Wave!

Caricane altri

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati