“Ballata del re”,Il comune denominatore dell’intero lavoro potrebbe essere il mix di rock e folk.

Una forte vena cantautorale, contaminazioni rock, indie, folk, world music, in netta
controtendenza al minimalismo degli ultimi anni, presenza scenica teatrale e di
grande impatto sono gli ingredienti che hanno portato gli Anima Popolare a
distinguersi fin da subito in numerosi eventi musicali. Nel 2007 si piazzano al primo
posto al Discanto VII che li porta ad essere ospiti di Red Ronnie nel suo “Roxy Bar”.
Seguono altre importanti partecipazioni tra cui l’apertura nel 2008 del concerto dei
Nidi D’Arac e l'esibizione all’evento “Musica nelle Aie” a Faenza che porterà la band
,con il singolo “Cattivo”,ad essere inclusa nella compilation “Aie d’Italia” (presenti
anche Teresa De Sio e Davide Van de Sfross ).
Nel 2009 sono finalisti nazionali di MarteLive all'Alpheus di Roma, e sempre nello
stesso anno sbarcano alle finali di SanremoLab, che si rivela una vera e propria
consacrazione della maturità e crescita artistica del gruppo suonando al Teatro
Ariston e al Teatro del Casinò di Sanremo e conquistandosi un posto nella
Compilation Ufficiale di SanremoLab con il singolo “Occhi Dispersi e persi”. Il 2010
è l'anno dei quasi cento concerti in giro per l'Italia e delle ospitate radiofoniche, è
l'anno delle interviste e delle "sviste", ma soprattutto è l'anno della "clausura" per le
registrazioni del loro nuovo lavoro discografico.
Nel 2011 vincono "Suoni a Sud Est" al Review Piper di Putignano e nel 2012 ….il
primo album!
Tutto questo e molto di più...
Anima Popolare!