Chi siamo

Breve storia di Rockit, per raccontarvi chi siamo

1997. Maggio.
Il mese si apre con la vittoria alle elezioni di Tony Blair, presto seguite dalla vittoria ben augurale del suo Regno Unito all'Eurovision Contest. Poi ci sarebbe stato l'Iraq, ma questa è un'altra storia. In Italia c'è tensione: i Serenissimi vanno all'assalto del Campanile di Venezia con il loro tanko, alla Sapienza Marta Russo viene uccisa da un colpo di pistola.

La Juventus vince il primo campionato post legge Bosman, ma perde da favorita la finale di Champions col Borussia Dortmund. Pochi giorni dopo, beffardo, esce il disco "La dura legge del gol" degli 883, a stravolgere una classifica di vendite fino a quel momento dominata da "Su e giù da un palco" di Luciano Ligabue.

In quel momento i Verdena sono appena maggiorenni e fanno i loro primi live fuori dalla provincia di Bergamo. Gli Afterhours pubblicano "Hai paura del buio?". "Quelli che benpensano" è un calcione in faccia a parecchie persone.

Il 27 maggio del 1997 un clic manda online rockit.it. Allora Internet era un posto molto diverso da adesso e pure la musica italiana cosiddetta alternativa (o indipendente, o underground, scegliete pure voi la definizione che vi dà meno fastidio).

Parecchi anni dopo siamo ancora qua (eggià), e quella che vedete è la versione 10.0 del nostro portale. Adattata – ma sempre con il nostro stile e inseguendo le nostre priorità – ai tempi e ai cambiamenti dei mezzi tecnologici. Con l'obiettivo, mai modificato, di raccontare la musica italiana, soprattutto quella meno raccontata, intercettare per primi le novità più interessanti, dare e ricevere consigli sulle cose da ascoltare, creare dibattito, favorire interconnessioni.

Su rockit.it trovate tutto ciò che c'era nel 1997 – per un lungo periodo al sito, tra i primissimi in ambito musicale in questo Paese, è stata affiancata una fanzine cartacea –: lunghi approfondimenti su dischi o artisti, le nostre mitologiche recensioni, interviste ai protagonisti della scena musicale. Ora realizziamo più video, popoliamo i nostri canali social, siamo sbarcati di recente su Twitch, ma facciamo esattamente la stessa cosa che facevamo allora.

Rockit, inoltre, non è "solo" un portale che parla di musica, ma è una community di artisti, appassionati e addetti ai lavori. Ogni musicista o band può caricare la sua pagina, fare conoscere tramite il sito le proprie canzoni e a sua volta entrare in contatto con nuove realtà, segnalare i propri live.

Professionisti, locali, festival, negozi di dischi o sale prove possono creare la propria pagina e promuovere le proprie attività, rivolgendosi in maniera diretta a una platea attenta ed esperta. Comunicazione, dialogo, scambio reciproco: lo facevamo da ben prima che a qualcuno ad Harvard venisse l'idea di un "libro delle facce". Vi chiediamo, qualora non lo aveste ancora fatto, di creare il vostro account e registrarvi: una comunità ha sempre bisogno di nuove menti e nuovi punti di vista per affrontare le sfide che il tempo impone.

Dal 2005 a Milano – prima all'ex ospedale psichiatrico Paolo Pini e poi al Circolo Magnolia presso l'Idroscalo – organizziamo il MI AMI Festival, divenuto negli anni il più importante evento dal vivo della "musica nuova" in Italia. Infiniti gli artisti che sono saliti sui nostri palchi, tante le prime volte live di cantanti e band che si sarebbero poi imposti al grande pubblico. Abbiamo seguito e accompagnato tutti i cambiamenti che hanno caratterizzato il mercato discografico italiano negli ultimi decenni, e vi assicuriamo che non sono stati di poco conto.

Crediamo nel servizio che offriamo alla musica italiana, che in questi anni abbiamo portato avanti in tanti modi diversi, spesso un po' folli perché ci piace così. Mille altri ne inventeremo, sempre fedeli alla filosofia DIY che contraddistingue Rockit e le persone che lo confezionano ogni giorno.
Ascolta. Fai. Diffondi.

---
L'articolo Chi siamo di Redazione è apparso su Rockit.it il 2021-03-14 13:51:00

Tag: documenti

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia