Bolgia di Malacoda - Testo Lyrics A un metro da Decebalo

Testo della canzone

L'aria si fa gelida
questa vita che sto per lasciare
carica d'ombre di rancore
quale senso ha morire senza lottare

Ladra mia
non è tempo di crepare
voglia di morire
che il silenzio lasci addormentare

Troia mia
quanta gente da sgozzare
farli affogare nell'odio che porto nel cuore
dal silenzio mi dovrò svegliare

In agonia per te signora bella luna
tutta la notte a te portasse a me fortuna
tutta la notte a te ormai me l'hai rubata
l'anima mia con te si fosse mai posata

In agonia per te signora bella luna
volgi lo sguardo a me che ho perso la mia stima
volgi lo sguardo a me che il sol non mi derida
quello che chiedo a te che tu mi sia vicina

Come se la ride la luna
povera troia la luna
come se la ride la luna
povero me

Sono rimasto solo indenne alla violenza e la carità
come un uomo solo ha bisogno d'amore
così come ha bisogno di forza per volerlo intrappolare
lacrime
imparare a ricambiare imparare a far del male è una necessità

In agonia per te signora bella luna
tutta la notte a te portasse a me fortuna
tutta la notte a te la boccia l'ho scolata
l'anima mia con te sta sera s'è 'mbriacata

Come se la ride la luna
povera troia la luna
come se la ride la luna, povero me

Sale la sbornia e vado in paranoia
sale la sbornia e Roma la sua gloria

Album che contiene A un metro da Decebalo

album A un metro da Decebalo - Bolgia di MalacodaA un metro da Decebalo
2013 - Post-Rock
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati