Index Zero è il primo film di fantascienza italiana con ambizione internazionale dai tempi di Nirvana di Gabriele Salvatores. Il film è stato girato in sette settimane a Sofia, in Bulgaria, mentre i casting degli attori sono stati tenuti a Londra. La lingua originale è l’inglese.


Lorenzo Sportiello è un filmmaker della nuova generazione, abituato ad auto-prodursi. In questo film, sia per esigenze creative sia di budget, ha co-firmato la sceneggiatura, le musiche e gli effetti visivi. Infatti, Giuseppe Gargiulo ha finanziato le riprese del film per la CVC ma, finiti i fondi per la post-produzione, ha abbandonato il film incompleto. Dopo dei difficili giorni di set in cui la troupe ha dato il massimo con risultati inaspettati, non era il momento di mollare. Così lo stesso Lorenzo Sportiello ha prodotto la post-produzione con il generoso aiuto di The Shift per la modellazione 3D, Mix Studio per la post- produzione audio e Grande Mela per quella video. Nonostante tutto, grazie all’ostinazione e al talento di tutte le persone coinvolte, il film è stato terminato senza compromessi e con il massimo della qualità possibile.


L’ambizione produttiva è stata quella di lavorare ad un film indipendente, internazionale, con un budget decisamente contenuto rispetto ai production value messi in scena. L’obiettivo è stato raggiunto grazie a un cast tecnico/artistico di alto livello, formato da alcuni tra i migliori talenti della nuova generazione del cinema italiano. L’età media del cast è di 35 anni. Quasi tutti i capi reparto, infatti, sono amici da anni e hanno frequentato, più o meno nello stesso periodo, il Centro Sperimentale di Cinematografia.