L'indaco è spesso usato nella pittura ad acquerello per creare le distance, la profondità e la prospettiva aerea data dall'effetto dell'atmosfera. Ciò che si allontana diventa bluastro, azzurro o indaco. E' ciò che si vede quando si viaggia passeggeri e si guarda fuori dal finestrino, o quando si contempla un panorama.

Carlo Grosoli, Stefano Sighinolfi e Giovanni Gambardella, tre italiani dell'area modenese, fondano la band tra il 2011 e il 2012, e dopo prove, registrazioni e un concerto di prova a Campogalliano (MO) decidono di fondare la band e di pubblicare l'omonimo Ep su Bandcamp il 30 Novembre 2012.

Carlo Grosoli (voce e chitarre) allevato con Blonde On Blonde e Banana Republic nei primi 3 anni di vita, si dà però al punk rock e poi alle cover dei Tool durante tutta la teen age. Ma nei primi anni del 2000 riprende in mano l’acustica e torna ad ascoltare la musica con cui era cresciuto, approfondendone lo studio. Sotto lo pseudonimo di Karel Zeddandoddo produce l'album Songs for dead People. Ne suona i pezzi nella provincia di Modena, e a Londra all'Icarus Club, 2009. Tra la fine del 2010 e il 2012 lavora a del nuovo materiale, che prende forma sotto il nome AOI (the Absence Of IT), ma decide di continuare a scrivere in inglese per un progetto più corale, che poi sarà la band Going Indigo, insieme a Giovanni e Stefano.

Giovanni Gambardella (piano,organo e voce), canta da quando è picciga. All'alba del nuovo millennio è stato Nonson Hofelìch, chitarra ritmica e voce nel duo Avantgarde Retrò, successivmente mutato in Doris Mutande, sempre chitarra ritmica e voce, nei Giuda Matti. Dal 2006 è Giovanni Gambardella frontman della rockabilly band "Ti amo Peggy Sue!". Amico di famiglia di Karel Zeddandoddo fin da quando è picciga. Compagno di banco di Stefano Sighinolfi nel 1991, ovvero da picciga.

Stefano Sighinolfi (basso e voce): comincia a suonare il basso elettrico a 16 anni, quando rimane inebriato dall'aria psichedelica che spira dai dischi di fine anni '60 e primi '70, provando un'invidia cosmica per i freakettoni ammazzaciviltà; suona poi in un paio di formazioni di Modena e dintorni, con discontinuità, fino all'incontro musicale con Karel Zeddandoddo (Carlo Grosoli); vanta anche parentesi come sassofonista tenore, chiusasi con un furto dello strumento nell' estate del 2007.