Un mix di elettronica, progressive rock condito da IDM e dubstep.

Il progetto nasce a Bologna nel 2010 dall’incontro di Giacomo (chitarra) e Stefano (tastiere, elettronica), che dopo varie collaborazioni artistiche incontrano Maurizio (batteria). Accomunati dalla voglia di suonare e di proporre al pubblico qualcosa di innovativo che sintetizzi tutte le loro radici musicali (dal rock psichedelico dei Pink Floyd al rock-progressive dei Mars Volta e ancora dal noise- math degli Hella fino all’Idm di Aphex Twin), i tre ragazzi pensano a come inserire sonorità elettroniche in brani strumentali. Intanto si unisce a loro Gigi, un giovane bassista che condivide una grande passione per la musica in (quasi) tutte le sue forme. Nascono così i Televators. Spinti dall’entusiasmo e dalla grande passione per il progetto al quale si stanno dedicando, decidono di proporre la loro musica all’interno del concorso Lesyinfesta, conquistando l’accesso alla serata finale con largo consenso da parte della giuria e del pubblico, invitato anch’esso ad esprimere il proprio voto. Per cause avverse la band è costretta ad abbandonare il contest e a sospendere la propria attività per circa cinque mesi.
Nel 2011 Gigi abbandona la formazione per andare a studiare all’estero e dunque il gruppo, alla ricerca di un bassista, trova Max. A questo punto la band cambia il nome in Jagoda.
Qualche prova insieme e l’intesa è raggiunta. Inizia pian piano a crearsi sinergia ed equilibrio tra le parti e dopo circa 6 mesi di lavoro registrano il primo Ep (ancora in fase di stampa) presso lo Studio 73 di Ravenna .Dall’aprile 2012 propongono la loro musica in ambito live esibendosi in diverse serate in noti locali bolognesi.
Jagoda è un gruppo che ha molta voglia di crescere musicalmente e di ricercare nuove sonorità con un’attenzione sempre rivolta all’empatia con il proprio pubblico.