Il nome vuole mettere in evidenza la fame antropologica che anima la band.

La Cena dei Cannibali inizia la sua attività a Brescia nel 2011. Nel giugno 2014 ha autoprodotto il primo CD di 8 brani propri cantati in italiano più una bonus track in giapponese. I componenti provengono da esperienze eterogenee. Musicisti fin dagli anni 80, Il risultato della commistione dei personali background è una musica comunque riconducibile all’area rock, cantata in italiano, ma non solo. I testi sono surreali e ironici, a volte cinici e provocatori.

I brani hanno un andamento irregolare. La melodia è una componente importante dei brani, voluttuosa e cesellata per le parti vocali, si ritrova anche negli arrangiamenti che spesso sono dei controcanti alla parti vocali.

Le loro canzoni appaiono spesso come delle piccole sinfonie in due o tre movimenti, che avrebbe potuto scrivere Beethoven nei momenti di svago se solo avesse avuto una chitarra elettrica e dietro alle pelli si fosse proposto Stravinskij.

Nella dimensione live dal 2011 la Cena dei Cannibali si è esibita circa una decina di volte all’anno e si è caratterizzata per uno spettacolo con una forte componente teatrale. Tragedia e commedia si uniscono al rock per raccontare l’esistenza umana. Il repertorio molto vario comprende ad oggi 20 pezzi esclusivamente propri, per una durata totale di circa 2 ore.