Sestetto con tromba, chitarra, tastiere, piano, basso e batteria.

I Mandela nascono nel febbraio 2010 da un' idea di Matteo Scalchi (chitarra), Diego Di Carlo (basso) e Edoardo Maggiolo (batteria). Ritrovatosi insieme a suonare in una cover band, a fronte di difficoltà di gestione della line up, i tre decidono di abbandonare il gruppo cover e di formarne uno differente. Contattano allora Marco Billo (tastiere) ed iniziano a provare. Più che di prove si tratta di vere e proprie jam, dove i quattro iniziano a conoscersi, scoprendo la passione comune per la musica Jazz, la fusion e il funk. L'idea è quella di creare un gruppo che produca musica propria influenzata da questi generi. Dopo varie indecisioni, è Edoardo a contattare Giovanni Dal Sasso (sax) e a proporgli di provare insieme agli altri. L'arrivo di Giovanni è la quadratura del cerchio: condivide le stesse passioni musicali degli altri membri del gruppo ed è il tassello mancante per completare la line up. Cosi formati, i Mandela iniziano a provare, inizialmente semplicemente jammando, successivamente cominciando ad abbozzare le prime canzoni proprie. Nonostante la scrittura dei pezzi sia abbastanza celere, i Mandela decidono presto di inserire in repertorio anche delle cover di standard jazz - funk (ma non solo..) di artisti che tutti e cinque apprezzano. Lo sforzo maggiore però è indirizzato verso la scrittura di musiche proprie: partendo dai generi Jazz e funk i Mandela cercano di ampliare le loro composizioni andando ad attingere anche a generi come il Reagge, il Dub e l'Ethno e la World Music, cercando di creare uno stile personale. Forti di un repertorio di una decina di brani tra pezzi propri e standard, il gruppo suona per la prima volta dal vivo, riscuotendo un discreto successo. Da quel momento è un continuo alternarsi tra prove e concerti dal vivo che vede la band in costante crescita, sia a livello musicale che a livello di seguito. Successivamente, Giovanni lascia la band e il gruppo viene raggiunto dal trombettista Sean Lucariello e dal pianista Elia Gamba