L'amico invisibile, colui al quale confidi i tuoi segreti da sempre. Tutto sta troppo stretto, "il grido" di Munch, i colori lividi, lancinanti ai quali una Roland prova a dare un contegno, qua e là un canto anche.
Neanche più le chitarre, quella bocca spalancata morde, strappa la tela, diventa il cono di un amplificatore e finalmente grida, grida forte!