Path

Pat Atho cresce ad Anguillara Sabazia in provincia di Roma. Un paese di contadini e pescatori ancora abbastanza lontano dai rumori e dalle scene metropolitane della Capitale. La sua passione per la musica, già scalpitante fin da ragazzino , trova casa tra cantine e garage, dove inizia a suonare la batteria e a comporre i primi brani.

C’è la necessità di uscire al di fuori delle quattro mura ,e di far sentire che tale attitudine si sta traducendo sempre di più in qualcosa da condividere. Inizia a farlo alla fine degli anni 90′ con Ritz ( compositore e bassista) . Iniziano insieme a scrivere sempre più pezzi e incontrano altri compagni di strada e di vita …nasce la prima Punk Band di Anguillara, i Divergenza. Con i quali Pat Atho condivide 10 anni circa di concerti ed incisioni. Da qui, la sua maturità musicale viene espressa al meglio con gli Automatica Aggregazione, Street Punk band che sorge dalle “ceneri” dei Divergenza , Il trio conosce le realtà musicali all’interno della capitale e successivamente Italiane ed Europee, si impegnano molto tra live e dischi coinvolgendo sempre di più la scena Punk-HC.

Contemporaneamente Pat Atho coltiva le sue svariate influenze e forma una band Ska, i Rude Talkin’, che vede quest’ultimo come frontman cantante e scrittore di canzoni . Intanto non si arresta la sua necessità di scrivere e lo studio della batteria nel suo percorso musicale sfuma sempre di più verso la chitarra e il basso. Strumenti che, se prima lo aiutavano a mettere in musica le sue parole, ora cominciano ad essere una vera e propria “arma” per ricercare accordi, melodie e sfumature che lasciano intendere la sua innata apertura a svariati generi e tradizioni musicali. Intorno alla prima decade del 2000, quando i Rude Talkin’ e gli Automatica Aggregazione, cominciano a mollare il tiro, decide di entrare in un’altra band . Si formano Gli Ultimi. stupiscono per il loro sound compatto e sincero ma soprattutto per i loro testi attuali e facilmente iniettabili nelle vene dei ragazzi , racconti di vita quotidiana e quell’attitudine nello scrivere storie di ragazzi comuni. Qui la penna di Pat Atho inizia ad avere una nuova consapevolezza , sa scrivere per se stesso e per la gente e tutto questo va valorizzato e condiviso. È qui che decide di rovistare nel suo cassetto e spolverare a dovere la sua dote di songwriter .

Parte un progetto solista che lo vede faccia a faccia con il pubblico. Ora tra la sua chitarra acustica e la gente ci sono solo le sue parole. Poesie, racconti e pensieri messi in musica. Una musica “semplice” che fonda le sue radici nel Folk acustico Italiano e d’oltreoceano. Ad aiutarlo nell’impresa torna Ritz ( contrabbasso ) . Iniziano così i primi live e proprio grazie a questi, Pat incontra HellSpite e N.A.N.A con i quali da vita ad un progetto che rispecchia in pieno gli obbiettivi dei passati collettivi dei cantautori Folk…cantare per la gente, dalla strada ai locali con un unica costante…condividere . Nasce Folk Beat Vendetta, che comincia a macinare Km di strada e di palchi, su e giù per l’Italia . Pat Atho e Folk Beat Vendetta hanno così l’occasione di conoscere e condividere serate con altri ed affermati artisti della cultura Folk: Gipsy Rufina, Tim Holehouse, Gab de La Vega, Jess Morgan, Billy the Kid etc. Attualmente Pat Atho ha inciso un singolo split con N.A.N.A e fa conoscere la sua musica anche attraverso video o riprese live dai palchi o dai luoghi che ispirano la sua penna. Il prossimo obbiettivo sarà quello di incidere un album e ovviamente di valorizzarlo come sempre con la sua presenza , che sia in una linea ferroviaria sperduta , su un palco o in mezzo alla gente.

2014 , scritto da un amico che sa….