Ai Margini della città è il luogo degli eccessi, il racconto dell’avanguardia, una grammatica di stati emozionali...

Ai Margini della città sono Francesco, Aldo, Angelo e Giuseppe e suonano per dipendenza.