Alaa Arsheed è un talentuoso musicista siriano fuggito in Libano nel 2011 a seguito della guerra, con il sogno di suonare in Europa.

Alaa Arsheed è un talentuoso musicista siriano fuggito in Libano nel 2011 a seguito della guerra, con il sogno di suonare in Europa.
Fabrica viene a conoscenza della sua storia tramite un tweet di Ales-sandro Gassmann che lo incontra mentre sta girando un documenta-rio sui rifugiati in Libano e Siria per conto di UNHCR.
Fabrica quindi decide di aiutare Alaa a realizzare il suo sogno: lo ospi-ta per alcuni mesi durante i quali, insieme a Fabrica Musica, viene prodotto Sham (“Damasco” in aramaico), un album di otto brani che si ispirano alla sua storia personale. As-suwaida è dedicato alla città natale di Alaa e alle sue montagne ricche di alberi di mele; Bab Toum, il cuore pulsante della vecchia Damasco, ricorda il profumo dei suoi gelsomini; Oriental mosaic è un inno alla musica siriana di un tempo; Time of Change celebra il coraggio del popolo siriano; Alpha è un omaggio alla galleria d’arte della famiglia Arsheed andata distrutta durante la guerra; Waves per non dimenticare il drammatico esodo del popolo siriano; Palmyra in onore dell’antica città distrutta da Isis. Chiude l’album Hope, un moto di speranza per una Siria finalmente libera e in pace.