Musicisti, foodbloggers e sperimentatori

Scegliere con cura il pezzo da "reinventare". Togliere, aggiungere e mescolare note e accordi a piacere. Guardarsi ripetutamente negli occhi con aria perplessa prima di trovare la soluzione più gustosa. Amalgamare bene gli ingredienti. Condire con una buona dose di pizzicato e qualche colpo d'arco ben assestato. Nel caso l'impasto risulti troppo asciutto, aggiungere una manciata di loops, delay, vocal effects e synth. Servire il piatto decorandolo, eventualmente, con qualche fischiettio che aggiunga un tocco di colore.