Il progetto Apta Zoota nasce nel maggio del 2009. A distanza di un anno esce un demo autoprodotto che suscita l'interesse di David Lenci, produttore e titolare della Red House Recordings di Senigallia. Ma é all'incontro con Fabio Magistrali (Afterhours, Bugo, Marta sui Tubi, X-Mary e altri) che si deve il loro primo album intitolato "Questo": dieci brani strumentali completati agli inizi di ottobre con la masterizzazione ad opera di Maurizio Giannotti e lo stesso Fabio Magistrali presso il New Mastering Studio, Milano. La musica degli Apta Zoota è sempre in bilico tra ironia e solennità, tra dissonanza e complessità armonica, il tutto non in direzione del virtuosismo tecnico ma della "cantabilità", quasi in una diversa ricerca della vocalità. La definizione data da alcuni addetti ai lavori (TRL – Temporary Residence records) di "jazzy Shellac" può rendere l'idea del suono della band, influenzato sia dal noise rock d'avanguardia di band come appunto gli Shellac, sia da atmosfere jazzy da colonna sonora hollywoodiana anni '50 – '60, oppure dal sapore felliniano. Completano il quadro echi di musica etnica e un gusto per il dissacrante derivato dal progressive rock anni '70 che riesce a convivere con malinconie alla Radiohead. La band ha vinto il primo premio al concorso CerRock 2010 e si è esibita al "fuorisalone" nella Settimana del Design 2010 a Milano.