Band in Cantiere, Cantiere Sonoro - Nec Ente - Cremona Live report, 26/03/2004

03/04/2004 di



Siamo alla quinta ed ultima serata di Cantiere Sonoro edizione 2004, lo scenario è il Nec Ente di Cremona. Ormai musicisti, pubblico e giurati si sono tacitamente accordati sui ritardi dell’inizio manifestazione che superano abbondantemente l’ora. Aspettando che il locale si riempia, gli strumenti stanno in attesa sul palco buio e lasciano intravedere ciò che presto succederà: non sarà la classica situazione basso, chitarra, voce, batteria.

Si accendono le luci. I miei presentimenti risultano fondati: un gruppo piuttosto numeroso affolla i pochi metri quadrati che solitamente ospitano le classiche cover band: ecco Tom Phillips Bangura con i Michelangelo Buonarroti!

Il primo gruppo ad esporsi nella competizione di stasera è di Firenze e si ispira al reggae più puro del Maestro Bob Marley. In perfetta sintonia con i colori della Giamaica la band cerca di trasmettere attraverso musica e testi la voglia di pace, di amore, di stare insieme e di divertirsi. Lo fa senza aggiungere nulla di più alla tradizione che ci è stata tramandata ed è solo questa la loro pecca. La loro proposta è godibile nel momento in cui accettiamo di non sentir niente di nuovo: doppia percussione, strumenti a fiato, tre voci ed altro ancora per riempire ogni battuta musicale di tutte le sfumature possibili, ma la giuria non è convinta.

Passa invece il turno il secondo gruppo ad esibirsi. Si tratta dei Dabol di Napoli che portano nella cittadina lombarda la melodia partenopea tipica della loro città natale (ed in lingua originale!) su basi drum ‘n’ bass e dub di stampo nettamente esterofilo. I quattro si presentano lasciando presagire che la loro musica ci spaccherà con la sua cattiveria: voce (con megafono a terra), basso elettrico, batteria, e set elettronico (pc, campionatore, synth ecc).

Ma i suoni?! Cos’è successo ai suoni?! I ragazzi ammettono di avere dei problemi tecnici; cercano di sostenere la scena chiedendo pazienza ed intrattenendo il pubblico nel modo più simpatico possibile ma in tutta la loro successiva performance musicale non sapranno dare il meglio di loro. Il pubblico mostra di gradire la loro particolare miscela - formata da musica elettronica scalcinata e da voce profeta di rabbie metropolitane - e li vota per poterli riascoltare questa estate.

Lo spazio dedicato all’headliner l’ultimo venerdì è occupato dal ritorno sulle scene di un grande della musica indie: Mao. Dopo anni di silenzio lo troviamo cambiato. Ci offre musiche e situazioni godibilmente minimaliste che propagano dal palco anche qualche nota colta che i presenti mostrano di non gradire particolarmente. Il suo repertorio questa sera è composto dalle sue nuove produzioni accompagnate dalla proiezioni di immagini tratte da film e girati in città. Il professionista, chitarra imbracciata, spiega, canta e suona. Un set elettronico arricchisce ed incornicia. Il tutto non delude.



Qui sopra i Dabol, il gruppo vincitore dell'ultima serata di selezioni a Cantiere Sonoro.

Band in Cantiere giunge all'epilogo. L'ultima serata di selezione, tenutasi il 26 marzo, ha decretato il suo ultimo vincitore: i Dabol. Ora l'appuntamento è per il Cremona Rock Festival, dove si esibiranno tutti i gruppi vincitori delle selezioni affiancati da headliner più famosi.

Pagine: Mao Dabol Michelangelo Buonarroti

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    La fiction RAI sulla vita di De Andrè è stata vista da oltre 6 milioni di spettatori