BOOK IT: Appuntamento numero #1 Rubrica

16/05/2006

Primo appuntamento e prima scarica di recensioni di libri. Da oggi inauguriamo una nuova rubrica letteraria - a cadenza varia - per dare spazio alle tante cose buone (e meno buone) che escono in Italia. Per costringerci a leggere e diffondere. Per dare spunti. Insomma, per variare sul tema. Sia mai che grazie a Rockit si riesca a scoprire il libro giusto da accompagnare al viaggio in treno direzione prossimo festival.



FEDERICO FIUMANI
"Dove'eri tu nel '77?"

96 pagg. – 10 € - Coniglio Editore - 2006
Federico Fiumani è, da ormai venticinque anni, alfiere di un intenso ed appassionato lirismo, che è riuscito a fondere alla musica, negli album dei Diaframma, ed instillare tra le pagine di una serie di cimenti letterari. Recente dimostrazione è "Dove eri tu nel '77": libro dai tratti intensi e poetici che, con il suo susseguirsi di ricordi, riflessioni e frammenti di vita allestisce i contorni di una esistenza vissuta all'insegna di sensibilità e passione ("…vissuta fino in fondo"). Il tutto a comporre un opera davvero piacevole che non manca di emozionare ed avvincere, come emblematicamente dimostra quel suggestivo scritto che è "Una mattina presto": "Una mattina presto, in una grande libreria deserta al piano di sopra cerco nelle enciclopedie rock se ci sono io…". // Federico Linossi

COSIMO ARGENTINA
"Brianza vigila, Bolivia spera"

100 pagg. – 10 € - Noreplay - 2006
Malavita. Razzismo. Ignoranza. Violenza. Corruzione. Depravazione sessuale. Quando un romanzo riesce – nella gustosa risata, in questo caso caustica e violenta - a spogliare le lordure della società, allora ferisce a sangue. L'ultimo nonsense humor noir (?) di Argentina ne è la prova: una scalcinata coppia di investigatori privati, madre e figlio, è assoldata da un magnaccia per chiarire la misteriosa sparizione di alcune prostitute. Ma lo spunto è solo pretesto per guardare con cinismo e disincanto alle vomitevoli mutazioni del dna culturale nostrano. Sguinzagliando Eusebio e Norma Brianza – ed un battaglione di decine di saporiti ed esilaranti personaggi - a zonzo per una tragicomica docufiction incastonata nel nordest italiota, Argentina sottopone i protagonisti a continui confronti/ostacoli. Che altro non sono se non istantanee – strapompate e parodiate – di quanto non va. Dentro la società. E quindi dentro ognuno di noi. Micidiale. // Simone Cosimi

SIMONE MARCUZZI
"Cosa faccio quando vengo scaricato e altre storie d'amore crudele"

180 pagg. - 10 € - Zandegù Editore -2006
A volte capitano dei gioiellini inaspettati. È il caso del esordio di Simone Marcuzzi, 24 anni, da Azzano Decimo, Pordenone, studente di Ingegneria Meccanica a Padova, lodato da Matteo Bordone ("Dispenser") e Andrea Pinketts, vincitore di "Subway 2005" e disseminatore di racconti in rete. Nove finiscono qui, uniti da protagonisti (adolescenti e bambini maschi), tematica (la scoperta del sesso) e ambientazione (il Nordest da Codroipo a Padova). Straordinaria la capacità – anche linguistica – di calarsi nei personaggi, assumendone tic e fantasie su ragazze ed adulti: il primo distante e irrazionale (ma non è maschilismo: è rappresentazione Non), l'altro arido e meschino. Finisce che l'infanzia è l'unico rifugio, un mondo dorato e solare al di là della pioggia, come nel delicatissimo "Elisabetta C." // Renzo Stefanel



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    La fiction RAI sulla vita di De Andrè è stata vista da oltre 6 milioni di spettatori