BOOK IT: Belle Anime Porche, di Francesca Ferrando Rubrica

12/11/2008

Torna Bookit, la rubrica letteraria di Rockit da questo mese a cura di Stefano Fanti. Parliamo di Francesca Ferrando e del suo brutale romanzo "Belle Anime Porche". Immaginate un incrocio tra l'iperviolenza di Palanhiuk e Tarantino, la devianza marcia di Welsh e Bukowski e i passaggi estremi di J.T. Leroy, il tutto condito da personaggi talmente schifosi da essere troppo reali per paradosso, una famiglia depravata ed una protagonista punk senza saperlo, freak senza saperlo, viva senza saperlo. Immaginate tutto questo ed avrete le 288 pagine che compongono l'esordio in libreria dell'artista/giornalista torinese. Un percorso di autodistruzione costruito a spirale, una spirale chiusa che rimanda al suo inizio, ma da cui Terry (la punk, la freak, la viva) trarrà insegnamenti importanti, e, soprattutto, la fede, l'unica speranza che le rimane, l'unica via di uscita. Vita spericolata di Vasco Rossi è la colonna sonora che accompagna questo viaggio all'inferno e (non)ritorno, ma in realtà qui di nazionalpopolare c'è ben poco (nulla!), questo è un romanzo grindcore, veloce e sporco. In esclusiva per Rockit, un capitolo del libro.



SEI BELLISSIMA
Nove e mezza. Carlo è uscito da un'ora. Abbiamo fatto colazione insieme: tè, marmellata della nonna e biscotti della prozia. Prima di andarsene, ha sussurrato:
- Dolce mondo, non farò che pensare a te tutto il giorno!

Mi fingo commossa, mentre penso che di me si ricorderà ben più a lungo, quando s'accorgerà d'aver perso sposina, macchina e due milioni in un colpo solo. Porto via da casa sua tutto ciò che posso: alcol, cibo, coperte e oggetti d'argento. Mi ficco in bocca un big babol alla fragola enorme e troppo dolce. Metto un abito super aderente trovato nell'armadio: o lui si traveste, o sua madre si prostituisce. Parto. L'auto è una ritmo rossa decappottabile, messa assai male. Mi stupisce che un essere noioso come Carlo c'ha una macchina così. Tra l'altro, se la segnala come rubata, sono fritta: il macinino fricchettone non passa certo inosservato… Beh, per ora meglio non pensarci. Guido super tranquilla. Ho imparato da bambina. Una volta, quando avevamo ancora la macchina, Crapa, tutta ubriaca, m'ha spiegato come si fa. Avrò avuto dieci anni. Non è stato facile. La seicento si sarà fermata una ventina di volte. Non capivo come usare il cambio. Chiedevo a Crapa. Quella m'ha risposto una volta sola. Tutte le altre m'ha mandato a fanculo. Poi si è vomitata addosso ed è crollata in un sonno chimico totale. Alla fine ce l'ho fatta: l'ho riportata a casa. Da allora spesso, quando i miei amici più grandi sono troppo fatti, guido io. Non m'hanno mai beccata, ma un giorno ho avuto un piccolo incidente. Me la sono vista brutta. Per fortuna s'è scassata solo la nostra auto. L'altra non s'è fatta niente, così ci hanno lasciati andare. Mi piace guidare. Mi sento libera.

Mano sul volante, l'altra sulla tequila. Ho voglia di cantare a squarciagola. Sono felice. Poi è la volta del brandy, del rum e infine d'una bella sizza.

Semaforo rosso.

Ferma in macchina. Mastico cicles, fumo e profumo d'alcol… oh… Oh… Ohhhhhh! I miei occhi… vedono. Stravedono. Si posano. S'incollano… sulla più bella creatura dell'universo… Che sberla di fica! Il pollice destro sguinzagliato nel'aria, sta facendo l'autostop. Capelli intrecciati in lunghi dread nero-blu e fili fosforescenti. Sui vent'anni. Piercing ovunque: naso, bocca, occhi, guancia. Un lungo tatuaggio di serpente le circonda l'orecchio destro e scende giù, fino al collo. Sulla spalla un borsone militare, i cui lacci trattengono un sacco a pelo azzurro. Non ci posso credere! Questa dea della strada può essere mia in meno d'un secondo. Fufiuuu… Fischio. Si gira. Le faccio segno di salire. Mi guarda senza alcuna espressione. S'avvicina senza fretta. Apre lo sportello, sposta le bottiglie. Getta il saccone sul sedile di dietro. Si siede.

- Ehi, ti tratti bene tu.

Il mio cuore batte pazzo. E' bellissimissima.

- C… ciao, sono Terry.

- Ti chiamerò Terra, perché sei profonda e accogliente.

- Come vuoi… Non so dove andare, ma voglio andarci con te!

Ce l'ho fatta, gliel'ho detto!

Lei mi sorride, soffia tra i denti come una tigre. Con voce bassa e scura, che io trovo uuuultra sexy:
- Ehi Terra, che passione. Vacci piano, piccola.

Il verde è scattato da un pezzo. Gli altri automobilisti strombazzano come matti, cercano in tutti i modi di sorpassarmi. Quelli che ce la fanno gridano con rabbia: "Puttane, ficcatevelo in culo", "Pirla, c'è chi lavora nella vita". I più educati: "Ehi vi siete addormentate?"
A me tutto ciò entra da un orecchio ed esce dall'altro. Continuo a guardare questa creatura divina, fatta di miele e veleno. Le chiedo, mite come un agnello:
- Come posso chiamarti?

- Libertà.

- Ok, Libertà… ma i tuoi come ti chiamano?

- I miei lasciali stare. Per loro sono solo una drogata, non una persona.

- … Capisco.

Rimetto in moto. Le ultime case del paese sfilano composte, grigie e sempre più rade. Le offro da bere:
- C'è tutto ciò che vuoi.

- Allora, fammi bucare.

- Cazzo Libertà… C'è tutto, tranne roba.



Commenti (30)

Carica commenti più vecchi
  • DeliriumDoll 21/11/2008 ore 15:26 @deliriumdoll

    Non mi è piaciuto il capitolo riportato qui, e non ho letto il resto. L'ho trovato banaluccio.
    Premetto: non apprezzo scrittori come Welsh (Porno è rimasto a metà, ed io non lascio mai libri a metà, anche se non mi piacciono) e Bukowski; apprezzai i due di J.T. Leroy ai tempi, pur non trovandola "grande letteratura", né per i contenuti, né per la forma.
    Quando leggo robe simili, mi sorge il lieve dubbio che non mi prenda per il culo chi mi dice che avrei buone possibilità di pubblicare.

  • DeliriumDoll 21/11/2008 ore 16:51 @deliriumdoll

    -_- io sono meravigliosa! :P
    Se ti è piaciuta "questa lettura", dillo e basta. :)

  • DeliriumDoll 21/11/2008 ore 17:57 @deliriumdoll

    Ok, troppo poco per poter valutare. Ma non vi ho trovato molto di coinvolgente, nelle poche righe lette.

  • Wolly 21/11/2008 ore 21:47 @lello128

    mio fratello di 14 anni scrive meglio.

  • Wolly 21/11/2008 ore 21:48 @lello128

    mi sembra l'unica cosa da dire.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Il programma di Brunori SAS per Rai 3 inizia a marzo