Tutti i dischi di Bugo dal più brutto al più bello

Foto di onstageweb.com - Bugo nuovo album nessuna scalaFoto di onstageweb.com - Bugo nuovo album nessuna scala
18/05/2016 di

Lo scorso 22 aprile è uscito “Nessuna scala da salire”, l’ottavo album in studio di Bugo. Per l’occasione abbiamo deciso di rivedere tutta la sua discografia, metterla in ordine e fare un ripasso dei sui brani più belli.

Bugo è sicuramente uno dei più importanti cantautori che abbiamo in Italia. Ha scritto canzoni stupende e dischi che sanno sorprenderti anche dopo anni che li ascolti. Ha uno stile originale e molto personale: potete trovare più nomi che l’hanno influenzato - Beck, Battisti, Celentano, tra i tanti - ma il suo modo di scrivere rimane sempre chiaro e riconoscibile.

Una delle sue migliori qualità sta nel riempire i suoi brani di moltissime cose: che si tratti di spunti musicali o di giochi di parole nel testo, la sensazione più ricorrente è di avere davanti una creatività infinita, tantissime idee che corrono all’interno dello stesso pezzo; ne consegue un’idea di freschezza e di completa imprevedibilità. E poi sa descrivere le emozioni in maniera tutta sua: riesce a farti ridere parlandoti di depressione o intristirti raccontandoti di un pomeriggio qualunque dove non aveva niente da fare.

Bugo non scriverà mai una canzone dedicata solo provincia italiana, alle relazioni che finiscono o ai giovani che non hanno lavoro, ma riesce ugualmente a toccare quei temi con una grande sensibilità e con uno sguardo lucido; all’inizio quasi non te ne accorgi. Il tutto giocando con gli immaginari musicali più diversi - dal blues, al rap, al funky, garage distorto, all’elettronica - e con un’ironia e una cazzonaggine stupenda, che nella canzone italiana è merce rara. Facciamo un piccolo ripasso dei suoi pezzi più belli.

 

(clicca sulle copertine e leggi la nostra classifica) 

Tag: classifica

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Il nuovo singolo dei Måneskin è l'ultimo dei loro problemi