Caparezza, il sognatore eretico: un eroe fuori dal tunnel

Al quinto album Caparezza si conferma una delle lingue più affilate e taglienti, in una reinterpretazione tutta personale dell'hip hopAl quinto album Caparezza si conferma una delle lingue più affilate e taglienti, in una reinterpretazione tutta personale dell'hip hop
15/03/2013

Caparezza, il rapper che viene dalla Puglia, autore di tormentoni involontari come “Fuori dal tunnel” e “Vieni a ballare in Puglia”, ma anche capace di comporre un testo toccante come quello di “Eroe”, si distingue sempre per i suoi testi sarcastici e pungenti e per aver reinventato l'hip hop in maniera del tutto personale. La sua discografia, dal primo “Caparezza?!” all'ultimo “Il sogno eretico”, si arricchisce continuamente di collaborazioni con altri artisti, e ogni concerto è un'esperienza unica, tra il live rock, rap, il circo e il teatro.

[VAI ALLA DISCOGRAFIA DI CAPAREZZA]

Prima di diventare Caparezza, Michele Salvemini prova ad affacciarsi al mondo della musica come Mikimix, ma dopo una fallimentare partecipazione a Sanremo e un disco che non riceve buoni consensi (“La mia buona stella”, che coniuga rap e melodia), decide di tornare nella natia Puglia e ricominciare da zero. E' nel garage della sua casa di Molfetta che nasce Caparezza: col nuovo alter ego, Michele libera la sua penna dissacrante e compone il suo primo album “Caparezza?!”, in cui rinnega il passato da Mikimix, ma il vero successo arriva con il disco del 2003, “Verità supposte”, trascinato dal successo del singolo “Fuori dal tunnel”; il brano diventa un vero e proprio tormentone estivo, nonostante il testo sia un'invettiva proprio con i divertimenti forzati da sabato sera.

Dal testo di “Fuori dal tunnel” di Caparezza: “Sono fuori dal tunnel del divertimento / Quando esco di casa e m'annoio sono molto contento / Quando esco di casa e m'annoio sono molto più contento / Di te che spendi stipendi / Stipato in posti stupendi / Tra culi su cubi succubi di beat orrendi / Succhi brandy e ti stendi, dandy / Non mi comprendi / Senti tu non ti offendi se ti dico che sei trendy”



Contemporaneamente alla sua nuova carriera, Caparezza continua a far parte di un collettivo di rapper pugliesi, i Sunnycola Connection, con cui pubblica il disco “Alla molfettese manera”, mentre “Fuori dal tunnel” diventa la sigla del programma televisivo Zelig Circus.
Nel 2006 viene pubblicato per EMI il disco “Habemus Capam”, sorta di concept album su morte, reincarnazione e resurrezione del personaggio Caparezza. Intanto Caparezza si dedica a una serie di progetti collaterali, come la partecipazione a un disco tributo per Giuni Russo, in cui remixa il brano “Una vipera sarò”, o al progetto Artisti uniti per l'Abruzzo, con i quali interpreta la canzone “Domani 21/04.09”. Intanto si esibisce al V-day di Beppe Grillo e sul palco del Concerto del Primo Maggio a Roma, e anche con gli Apres La Classe durante l'edizione 2008 della Notte della Taranta di Melpignano (LE). Nel 2008 esce il disco “Le dimensioni del mio caos”, definito dallo stesso Caparezza un “fonoromanzo”, ovvero un fotoromanzo in musica: racconta la storia della giovane hippie Ilaria, che a causa di uno varco spaziotemporale si ritrova catapultata ai giorni nostri, dove diventa un'adolescente tutta frivolezze e social network. La storia si sviluppa poi in una serie di avvenimenti imprevedibili che porteranno l'umanità a trasformarsi in scimmie bonobo. Tra i vari ospiti, i Ministri in “Ulisse (you listen)” e molti doppiatori italiani che intervengono interpretando vari personaggi tra una traccia e l'altra. I temi affrontati da Caparezza sono molteplici: il malcostume della classe politica, la questione ecologica, lo strapotere della pubblicità e la precarietà nel mondo del lavoro.

Dal testo di “Eroe (storia di Luigi delle Bicocche)” di Caparezza: “Sono un eroe perché lotto tutte le ore / Sono un eroe perché combatto per la pensione / Sono un eroe perché proteggo i miei cari dalle mani dei sicari e dei cravattai / Sono un eroe perché sopravvivo al mestiere / Sono un eroe, straordinario tutte le sere / Sono un eroe e te lo faccio vedere / Ti mostrerò cosa so fare col mio superpotere”.


Il disco “Le dimensioni del mio caos” fa anche da ideale colonna sonora a uno dei capitoli del primo libro di Caparezza “Saghe mentali”.
Annunciato da una serie di video intitolata “The boias”, il quinto disco di Caparezza “Il sogno eretico” ospita al suo interno il cantante reggae Alborosie nel brano “Legalize the premier” e il leader degli Spandau Ballet Tony Hadley nel primo singolo estratto dall'album, “Goodbye Malinconia”. In poche settimane “Il sogno eretico” diventa disco d'oro e porta Caparezza ad esibirsi in un lungo tour in tutta Italia: gli spettacoli dal vivo di Caparezza sono sempre ricchissimi a livello scenografico e tutta la band usa costumi e travestimenti in modo che ogni concerto sia un vero e proprio spettacolo teatrale, con tanto di dialoghi e messa in scena.

Dal testo di “Legalize the premier” di Caparezza e Alborosie: “Così ricco che i miei soldi io li do alle fiamme / Le Fiamme Gialle invece di arrestarmi saltano alle spalle / Di chi ha la piantagione come Bobbe Malle / Chi mi accusa di tangente diventa secante / Chi doveva stare zitto diventa squillante / Ma vado dal mio medico curante / che mi prescrive più di un antimicotico per il glande / Legalize the premier / Sensimillia e ganja no, ma il mio seme spargerò / Io mi legalize”


Sempre nel 2011 esce “Epocalisse: Capologia da ?! al caos”, prima raccolta dei brani di maggior successo di Caparezza e il rapper pugliese appare tra gli ospiti del disco “Il mondo nuovo” del Teatro degli orrori, nel brano “Cuore d'oceano”, di cui è anche autore del testo.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati