Derozer - Codevilla (PV) - Thunder Road Live report, 23/03/2005

21/04/2005 di



La curiosità per il nuovo lavoro e la certezza che avrebbero spaccato un’altra volta rendono l'appuntamento impedibile per il folto e variopinto pubblico al locale.

Manca ancora un’oretta all’inizio del concerto, ma l’attesa dura poco: i primi ad animare la serata sono gli Skavallo, giovane band locale che si presenta con una formazione composta da ben dieci elementi, sezione fiati inclusa; il loro Ska cantato in italiano richiama mostri sacri del genere quali Mighty Mighty Bosstones e Madness: di questi ultimi viene anche riproposta la cover della celeberrima "One step Beyond". Dopo una quarantina di minuti di trombe e ritmi in levare, è la volta dei Noone da Varese, una band ormai rodata di Punk Hardcore melodico di stampo Fat Wreck Chords (Nofx, Lag Wagon, Strong Out, Good Riddance). Pochi minuti per il cambio palco e finalmente è il momento dei Derozer.

Le basette di Seby, la panzetta di Spasio e le inconfondibili smorfie di Mendez fanno da cornice a 45 minuti di sano punk rock all'italiana, nessuna influenza ska, raggae, ma solo grande musica! Per potenza ed affiatamento i Derozer sono sicuramente al top dopo piu’ di tre lustri "on the road": gli inni storici come "Amore sincero", "TG", "Mururoa", "Alla nostra età" e molti altri si alternano con le nuove e velocissime canzoni degli ultimi due album, che reggono alla grande. Aiutati anche dall’ottimo impianto del Thunder Road, dal grosso palco e dal buon gioco di luci, la band esegue un grandissimo concerto, riuscendo a trascinare sotto al palco e sotto ai piedi di Sebi una bolgia di ragazzi esaltatissimi. Ritmi veramente serrati per tutto il concerto, con pochissime pause tra un pezzo e l'altro, e di durata giusta perché i tre vicentini possano scolarsi qualche golata di birra, che offrono anche al pubblico, quello che beve solo piscio e fanta…
Con che canzone potevano finire il concerto i Derozer? Ovviamente la mitica "Branca Day", facendo impazzire completamente tutto il pubblico! "Un Branca Menta butto giù, io ti amo sempre più. Ti amo quando sono sbronzo, ti amo di più quando io sono ubriaco… "



E' punk rock, è pop-core, è teen riot battle in salsa sloganistica. Non c'è molto da dire, e' il ed inevitabile alcolico rito. E così sia.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Un pomeriggio al lavoro con Gel: Angeli e Demoni al centro per le dipendenze patologiche