Il disco perpetuo di Gianni Maroccolo vola sulle ali di una libellula

Il 17 dicembre esce il terzo episodio di "Alone", che questa volta affronta il tema della violenza sui più deboli. In regalo per Rockit il video di "Storia di Loletta", poetico singolo che anticipa l'album
09/12/2019 14:41

"Guai a sognare: il momento di coscienza che accompagna il risveglio è la sofferenza più acuta. Ma non ci capita sovente, e non sono lunghi sogni: noi non siamo che bestie stanche". Inizia così, con una citazione di Primo Levi, il racconto di Mirco Salvatori, che anche questa volta accompagna un nuovo capitolo di Alone.

Il progetto di Gianni Maroccolo – musicista tra i più eclettici e visionari l'Italia abbia avuto negli ultimi anni: fondatore di Litfiba e C.S.I., ha collaborato con decine di artisti, dalla sperimentazione alla vetta delle classifiche – di dare vita a un "disco perpetuo" va avanti, e si arricchisce di nuovi suoni. Iniziato un anno fa, giunge ora al vol. 3, che uscirà il 17 dicembre. Le date non sono casuali, il 17 dicembre del 2018 era uscito il primo capitolo, il vol.2 vedeva la luce il 17 giugno 2019, e così via, all'infinito: ogni 17 dicembre e ogni 17 giugno uscirà un nuovo volume.

Oltre al racconto Mirco Salvadori, ogni disco è accompagnato dalle immagini di Marco Cazzato. Dalle sue illustrazioni, prende piede anche l'animazione in 2d di Michele Bernardi, che ha curato il video di Storia di Loletta, brano di apertura del disco, che vi proponiamo in anteprima su Rockit.

Le immagini interpretano le suggestioni sonore del pezzo, ispirandosi all’artwork dell'album, su cui compare una libellula che vola al di sopra del pelo dell’acqua, quasi distaccata dal mondo. Il vol. 3 di Alone affronta il tema della violenza sui più deboli, e l'animale diventa così simbolo di riscatto di chi riesce a rendersi libero, non senza sforzo. 

 

 

---
L'articolo Il disco perpetuo di Gianni Maroccolo vola sulle ali di una libellula di Redazione è apparso su Rockit.it il 09/12/2019 14:41

Tag: anteprima

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati