Ilaria Magliocchetti Lombi racconta un suo bellissimo scatto a Vasco Brondi Rubrica

Le Luci della Centrale Elettrica in uno scatto di Ilaria Magliocchetti Lombi - Le Luci della Centrale Elettrica in uno scatto di Ilaria Magliocchetti Lombi -
08/01/2016 di

Da sempre musica, fotografia e racconto si sono mescolate e unite dando vita a storie bellissime e preziose. Dentro ai tuoi occhi è la rubrica di Rockit che vi propone uno scatto dei grandi della fotografia musicale italiana, raccontato dalla prospettiva del suo autore. L'appuntamento di oggi è con la fotografa Ilaria Magliocchetti Lombi, che ci racconta un suo scatto alla mente dietro al progetto Le Luci della Centrale ElettricaVasco Brondi.

 

Era settembre, eravamo in macchina a girare per le campagne ferraresi, lungo il Po, tra i pioppi e i campi, nei posti di Vasco. A breve sarebbe uscito il secondo disco de Le Luci della Centrale Elettrica "Per ora noi la chiameremo felicità".

Ci trovavamo in questo campo tutto giallo a fare foto, quando sono cadute le prime gocce di pioggia. Era tutto il giorno che minacciava diluvio e il cielo era bianco e carico. Così abbiamo iniziato a correre per tornare alla macchina, io ho saltato il fosso che delimitava il campo, mi sono girata d’istinto e in quel momento ho scattato la foto, mentre Vasco saltava, un attimo primo del temporale.

Dopo il primo disco a lui era legato un immaginario abbastanza cupo, veniva un po’ interpretato così. Sono affezionata a quella foto perché ci vedo veramente lui: un ragazzo vitale, curioso. Non è una foto posata o studiata. Tecnicamente, se della tecnica ci importasse, è una foto sbagliata, lui è fuori fuoco ed è il campo sullo sfondo ad essere nitido. Eppure è uno degli scatti più riusciti di quella sessione, quello che ha girato di più e forse anche la sua fotografia più vista. Quella è stata proprio l’ultima di tantissime immagini scattate quel giorno, quando avevamo già detto "Basta, andiamocene, lavoro fatto”. Come spesso succede le fotografie improvvisate sono le migliori e a volte la spontaneità conta più della tecnica.

Dopo quello scatto ce ne siamo tornati a casa contenti, congelati e con le scarpe piene di fango.

 

Ilaria Magliocchetti Lombi

 

 

 

 

 

 

 

 

Tag: rubrica

Pagine: Le luci della centrale elettrica La Tempesta Dischi

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Il programma di Brunori SAS per Rai 3 inizia a marzo