Amari - Jail - Legnano (MI) Live report, 20/01/2006

23/01/2006 di



Serata Rockit al Jail di Legnano (MI), questo è quanto. Significa dare una mano a promuovere una serata in un locale che ci piace, gestito da gente che ci piace, in un contesto di programmazione che, per quanto riguarda venerdi 20 gennaio (ma in generale tutto l'anno), ci piace pure questo. Una stretta di mano e una fumata al calumet della pace. Robe così. Tipo che c'ho un disco da farti ascoltare, vengo a casa tua oggi? Benedetta sia la musica.

Comunque. La cosa che c'è da dire prima di tutto è che gli Amari sono diventati bravi. Davvero. "A furie di concerti...", racconta simpaticamente Dariella dietro la sua camicia verde militare. Sul palco c'è un mare di palloncini colorati che esplodono non appena si spengono le luci. Boom. Sarà uno stillicidio che prosegue a pari passo con l'incedere dei loro colori, che ruotano come nel cubo di Rubik. E non lo si riesce mai a finire.

E' una festa delle medie. E' la prima festa che fai con i compagni di classe e i tuoi ti permettono di stare fuori fino all'una. E' quando ti prendi una bottiglia di vodka alla fragola e ti nascondi sotto il tavolo a bere con una squinzia che ha invaso i tuoi sogni come un esercito che occupa la città. E' quando lei se ne va dandoti un bacio sulla guancia e tu rimani da solo con il vetro, mentre il cuore corre ancora a mille e fra circa un secondo sarai sopra la tassa del cesso a vomitare la tua timidezza. I don't Wanna Grow Up: nient'altro che il credo dei Ramones aggiornato alla voce pop. Anni duemila meets the past(a). Snoop Doggy Dog meets Battisti.

Tante volte abbiamo ascoltato "Grand Master Mogol" (Riotmaker, 2005), altrettante lo cantiamo stasera. Fra deliri pop e calembour hip hop. Fra, fra, fra'. Tutte quelle cose che avete letto ovunque. Perchè per gli Amari a ‘sto giro si è scatenata un'autentica follia. Un battage partito dai blogger e come un'onda arrivato a tutta la stampa. Disco pop dell'anno. Sopresa italiana. Dal Friuli con passione (questa è di Famiglia Cristiana). Tutti ne hanno parlato, anche quelli che non li hanno mai ascoltati. Così, tu credi che “figurati se stasera il locale non è imballato peggio che per gli Offlaga Disco Pax”. E invece no, la gente c’è, ma non è pieno come per le occasioni migliori. Vedi tante facce conosciute, la scena: Fine Before You Came, Dj Per Signora, tutti gli amici. Ma spesso ci dimentichiamo che per fare uscire tutti gli altri di casa ci vuole un motivo valido, validissimo. Confondiamo la stampa con un paio di tette (quelle tirano sempre). E confondiamo l’hype con l’hai voglia di venire? Soprattutto poi se da Milano, per dire, c’è da andare a Legnano. E quindi fare i chilometri.

Il motivo stasera c’era. Ma evidentemente per gli Amari non è (ancora) successa quella cosa che ha permesso ai Baustelle di gonfiare il Rolling Stone di una numerosissima fauna, per altro in larga parte discutibile. Ed è un peccato. Perché in fondo parlare del 15 gennaio e darsi un’occhiata allo specchio prima di uscire sono cose normali. Umane. Giovani. Come mettere i dischi che ti piacciono e sperare che la gente li balli. Come litigare senza un motivo valido per la causa. Come noi. Noi che a volte meglio ignoranti che ignorati. Ma sempre e comunque meglio tutto che niente.



Scaletta
1. Accipicchia
2. L'Avvoltoio Delle Tre
3. Arte Bruciante
4. Bolognina Revolution
5. Tremendamente Belli
6. La Prima Volta
7. Il Vento Del 15 Gennaio
8. Campo Minato
9. Whale Grotto
10. Squadritto
11. Conoscere Gente Sul Treno
12. Love Management
13. Venere Non Torna
14. Un Altro Basso Di Polvere
15. Party Time Jobs

Commenti (5)

Carica commenti più vecchi
  • Renzo Stefanel 04/03/2007 ore 00:38 @re

    Quando un gruppo è spaziale, c'è sempre gente che non riesce a vederlo

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

È morta Dolores O' Riordan, la cantante dei Cranberries