L’Italia lascia il segno, una sgommata di merda

22/02/2007 di

Mercoledì 21 febbraio è stato presentato "alla presenza di Romano Prodi e Francesco Rutelli il nuovo marchio turistico dell'Italia. Il marchio, realizzato dall'agenzia Landor Associates, è risultato vincitore del concorso indetto a dicembre dalla Presidenza dei Ministri". Il marchio "firma la qualità unica della vita, dello stile, della creatività, della cultura e del turismo italiani''. Citando gli Offlaga Disco Pax: "se uno ci pensa non ci può credere".



Perché l'Italia. Perché il made in Italy. Perché Fellini e Munari. Perché Giugiaro e Sottsass. Perché Leonardo e il Futurismo e centomila altri Artisti (con una stracazzo di A maiuscola) che ovviamente non si possono scrivere tutti. Perché l'80% del patrimonio artistico mondiale (!!!). Perché la Moda e il Design. Perché Firenze e Venezia e Roma e tutte quante le città e i paesi della nostra meravigliosa penisola. Perché se solo ti fermi un secondo e provi a pensarci, a cosa scrivere, a cosa dover citare, a cosa mettere in luce, ti perdi in passati remoti o prossimi gloriosi epocali fondamentali, non so come dire… siamo conficcati nell'Immaginario collettivo mondiale, a qualsiasi latitudine longitudine (probabilmente) a qualsiasi interlocutore di qualsiasi età razza religione se dici "Italia" gli si accendono centomila lampadine in testa…
Bene. Tutto questo accorato preambolo per dire che.

Stamattina è stato presentato "alla presenza di Romano Prodi e Francesco Rutelli il nuovo marchio turistico dell'Italia (!!!). Il marchio, realizzato dall'agenzia Landor Associates, è risultato vincitore del concorso indetto a dicembre dalla Presidenza dei Ministri. Il logo rappresenta la sigla it, con la "i" che richiama un classico della tipografia bodoniana e una stilizzazione dello stivale in verde per il "t" (anche se sembra più riferirsi al "l'ascia" del pay off). Il marchio "firma la qualità unica della vita, dello stile, della creatività, della cultura e del turismo italiani''..

Un logo.

Leggi comunicazione. Leggi sintesi e potenza. Leggi fascino e dialogo. Leggici pure No-Logo di Naomi Klein se proprio vuoi fare il radical chic. Leggici quello che vuoi (serviva? non serviva?). Fatto sta che.

Un logo. Per. Rappresentare. L'Italia. Nel Mondo.

Perfetto. Stamattina hanno presentato tra sorrisi e conferenze stampa e tutto quanto l'opera d'arte la summa il meglio il risultato degli sforzi distillato di pensiero e gusto……………………………..

Signore e signori: il logo vincitore (in fondo trovate il link dove vederlo)
Citando gli Offlaga Disco Pax: "se uno ci pensa non ci può credere".

Una cagata immonda. Vergognosa. Così ridicola da sembrare uno scherzo di pessimo gusto (friggi le polpette nella merda, buon appetito). L'ennesima prova dell'arretratezza culturale di chi da sempre ci governa (da sempre! BASTAAAAAAA!). Siamo ad anni luce da quando (ancora) esportavamo Immaginario nel mondo. Altro che Dolci Vite o Neo Realismi. Qui la realtà è ben diversa. Appiattita sul niente. E forse la cosa buffa e folle è che ancora siamo qui ad indignarci, a credere che forse a un certo punto le cose possano in qualche modo cambiare (…ma sì è solo un logo cosa t'importa le cose importanti sono altre…). Ecco. Le cose importanti sono ANCHE queste, cristo. È tutto quanto IMPORTANTE. È sempre la solita questione di mentalità (e di età anagrifica?) (e di sensibilità?).

Inutile, non ce la facciamo, non possiamo farcela.

Dal Bel Paese che eravamo siamo diventati – appunto – un Paese di Merda (verde). In attesa di seccare del tutto.

Dovevo dirlo. È (anche) il mio lavoro, ho fatto 5 anni di università a sentirmi dire che grafica-comunicazione-design sono importanti se non fondamentali per il buon vivere della gente (e oltre a sentirmelo dire ne sono profondamente convinto, perché "la bellezza salverà il mondo" come scrisse Dostojevski).

Perdonate la tirata, ma c'è la solita punta di rabbia e tristezza dentro. Quello che muove. Non potevo tacere.

Trovate lo scempio qui
Guardate e piangetene tutti (e fatevi le solite due amare e inutili risate leggendo i commenti del relativo forum)



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    Pannello