Bandabardo' - Live @ Leonkavallo - Milano Live report, 16/10/1998

18/04/1999 di Luca Birattari



Come la maggior parte degli appassionati milanesi di musica folk italiana, mi sono presentato al Leonkavallo conoscendo poco del gruppo toscano per il quale Piero Pelù ha ammesso di provare una certa simpatia (vedere intervista "Piero Pelù e Geeg Robot ).

Non ci sono i problemi di raggiungibilità e di parcheggio che caratterizzano le grosse esibizioni al centro sociale milanese, ma l'attesa dei fedelissimi prima del concerto e la reputazione da allegri guasconi dei componenti del gruppo, elettrizza anche il pubblico venuto per caso.

Fin dalle prime note si capisce che la fama di saltimbanchi da esibizione live verrà ampiamente confermata; il sound del gruppo toscano, fatto di ritmi sempre crescenti, obbliga anche i più pacati ad una partecipazione totale. Davanti alla Bandabardò non basta tenere il ritmo con il piede, battere le mani o ondeggiare, ma un allegro demiurgo ti trascina a saltare e pogare nel fulcro della festa.

Il concerto, tra ritmi infernali e ballate spesso caratterizzate da riferimenti politici sempre apprezzati dai frequentatori di un centro sociale, si protrae per due ore e, visto il successo riscontrato, c'è da scommettere che alla prossima occasione, spargendosi la voce, parteciperanno anche gli amici degli amici dei presenti. Ad affascinare maggiormente è soprattutto l'originale e sapiente miscuglio fra la tradizione popolare italiana e francese (nazione di origine del leader del gruppo, Erriquez), i ritmi di batteria e percussioni di impronta afro-cubana e gli assoli di chitarra "virtuosa" (definizione proposta dallo stesso gruppo) in stile latino-americano.

Al termine dell'esibizione non si può fare a meno di raccogliere i soldi fra gli amici per prendere, in ricordo della serata, uno dei CD della Bandabardò, assumendo rapidamente la decisione sul lavoro da acquistare affinché il simpatico gadget-amico, da buon toscano, possa andare in fretta ad ubriacarsi di vino rosso.



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati