Flor - Live @ Taxidriver - Catania Live report, 02/03/1999

02/03/1999 di Mario Branciforti



E' quasi per caso (...a posteriori per necessita') che oggi mi trovo a bere una pinta di birra nell'angolo piu' sonico e newyorchese di Catania, il glorioso Taxi Driver, dove negli ultimi anni hanno suonato i migliori gruppi della scena alternativa americana di passaggio in Sicilia, un esempio-ricordo-concerto memorabile: la session degli Uzeda con gli Shellac di Steve Albini...e stasera? Stasera "non e' un caso" che sul palco a mezzaluna, perfettamente a suo agio nell'attesa di vibrare e sudare "cori catanesi", brilla la Fender "da combattimento" di Marcello Cunsolo, la stessa che circa 4 anni fa, suonando "Sweet Tarantella" aveva preceduto la Rickenbacker di Peter Buck in un Cibali "strapieno ed emozionante"... oggi i Flor ritornano nel loro pub preferito, "riportando tutto a casa" e trovando calore, amicizia, affetto sincero ancora sotto un palco "strapieno ed emozionante" fino alle due del mattino, come un Cibali in miniatura.

Cunsolo e compagni, vecchi, nuovi e nuovissimi, sono in gran forma, secondo me nella migliore configurazione degli ultimi anni: il basso nervoso dell'ottimo Carmelo Valenti, il muro di suono del Marshall di Salvo Unzi' ed il fedele Salvo Coppola a scandire il ritmo. Circa 100 minuti di storia dai 3 album prodotti dalla Cyclope dell'onnipotente Virlinzi, cosi' scorrono "F.K.", "'U secunnu", "Fra le immagini", "Patrick", "Cori", "Veri dei", etc., mentre Marcello chiacchiera e scherza con la sua gente, la sua Catania, che nessun falso-amico/cinico-nemico potra' mai annullare... continua presentando una decina di canzoni nuove, ottime all'ascolto live, che finiranno nel quarto lavoro del gruppo, a breve disponibile malgrado alcune difficolta', superate urlando "W la musica" e "sbattennu i corna ca nun si 'rrumpunu mai!"



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Wilma De Angelis canta "Non è per sempre" degli Afterhours