Tre cose su Malika Ayane: la musica, i testi e la sua "Ricreazione"

Malika Ayane e il numero tre: tre album, tre partecipazioni a Sanremo, tre dischi d'oroMalika Ayane e il numero tre: tre album, tre partecipazioni a Sanremo, tre dischi d'oro
11/02/2013

Malika Ayane, ancora fresca del successo di “Tre cose”, singolo estratto dal cd “Ricreazione”, partecipa alla 63esima edizione del Festival di Sanremo. Le sue due canzoni hanno testi che sono stati scritti da Giuliano Sangiorgi dei Negramaro e i titoli sono “E se poi” e “Niente”. Dopo “Come foglie”, terza a Sanremo Giovani 2009, e “Ricomincio da qui”, premio della critica Mia Martini nel 2010, Malika Ayane torna al Festival di Sanremo per la terza volta. Durante la prima serata la preferita dal televoto è stata "E se poi"; ecco un estratto del testo: "Ma senza di noi / Ho ancora quella strana voglia di sentirmi sola / Senza di noi / Ma non da ora / Se non altro per vederti andar via ancora / E se mai cercassi te / Sarebbe per paura e la paura, è sempre quella a vincere"



Dal testo di “Come foglie” di Malika Ayane: “E' un inverno che va via da noi / Allora come spieghi questa maledetta nostalgia / Di tremare come foglie e poi / Di cadere al tappeto / D'estate muoio un po' / Aspetto che ritorni l'illusione / Di un'estate che non so / Quando arriva e quando parte, se riparte”



Malika Ayane nasce a Milano nel 1984 da padre marocchino e madre italiana, a 11 anni entra a far parte del coro delle voci bianche del Teatro alla Scala e da adolescente presta la sua voce per jingle pubblicitari, colonne sonore per sfilate e grandi eventi.
Nel 2007 firma un contratto con la Sugar Music di Caterina Caselli, che pubblica il suo primo disco in studio “Malika Ayane”, da cui vengono tratti il singolo “Sospesa”, cantato con Pacifico, e “Feeling better”, in inglese, mentre nel 2009, è Malika Ayane ad apparire nel singolo di Pacifico “Verrà l'estate”, tratta dal disco “Dentro ogni casa”.
Nello stesso anno Malika Ayane partecipa per la prima volta al festival di Sanremo nella categoria Nuove proposte con il brano “Come foglie”, interpretato nella serata dei duetti insieme a Gino Paoli. Il singolo conquista il disco di platino e viene pubblicato nella deluxe edition di “Malika Ayane”.
Nello stesso anno la Ayane appare tra gli Artisti uniti per l'Abruzzo nel brano inciso per raccogliere fondi per i terremotati “Domani 21.04.09” e l'anno successivo partecipa di nuovo al Festival di Sanremo, questa volta nella categoria Big, con la canzone “Ricomincio da qui”, scritto con Pacifico.

Dal testo di “Ricomincio da qui” di Malika Ayane: “Sorriderò prima di andare / Basterà un soffio e sparirò / forse sarà pericoloso / forse sarà la libertà / mi guarderai e vedrai una / Eppure non sarò sola / Una novità sarà / E mi porterà a non fermarmi mai / Non voltarmi mai / Non pentirmi mai / Solo il cielo avrò sopra di me”



Il brano “Ricomincio da qui” viene inserito nel nuovo disco in studio “Grovigli”, che contiene anche la cover di “La prima cosa bella” di Nicola di Bari, realizzata per il film omonimo di Paolo Virzì. Tra gli ospiti del disco figurano Paolo Conte per il brano “Little brown bear” e Cesare Cremonini, all'epoca compagno di Malika Ayane, per il brano “Believe in love”. Nello stesso anno viene pubblicato il best of “1999-2010 The Greatest hits” di Cesare Cremonini, con l'inedito “Hello!”, cantato da Cremonini e Malika Ayane.



Nel 2011 viene pubblicato un cd più dvd che racconta il tour di “Grovigli”, contenente il singolo “Il giorno in più”, per l'omonimo film di Fabio Volo. Nel 2011, dopo il matrimonio con Federico Brugia, Malika Ayane annuncia il terzo disco in studio dal titolo “Ricreazione”, da cui viene estratto il singolo “Tre cose”, scritto insieme ad Alessandro Raina degli Amor Fou.

Dal testo di “Tre cose” di Malika Ayane: “Decidi a capire che non mi servono fiori / Spiegami senza nemmeno parlare che senso hai / Costringiamo la notte a non fare rumore / Abbandoniamoci al giorno del tutto nuovi / Tre sono le cose che devo ricordarmi di dire / Quando davvero sicura sarò / e lo saranno le mie mani / A cui raramente sfuggirai / Ma anche se fosse ritrovale e poi / Invitami a bere un bicchiere di sole”



Il singolo successivo è “Il tempo non inganna”, mentre Malika Ayane, in attesa di Sanremo, duetta con Francesco De Gregori nell'album “Sulla strada” nei brani “Ragazza del '95” e “Omero al Cantagiro”. Oltre ai brani di Sangiorgi, nella serata Sanremo Story, in cui ogni artista esegue la cover di un successo del passato del Festival, Malika Ayane interpreta “Cosa hai messo nel caffè”, un brano del 1969 di Riccardo Del Turco.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Max Casacci ha invitato la RAI a inaugurare un canale dedicato alla musica indipendente