Leggi in anteprima i testi di "McMao", il nuovo album del Management del Dolore Post-Operatorio

Foto di Daniele L Bianchi - L'11 marzo esce McMao, il nuovo album. Ecco i testi in anteprimaFoto di Daniele L Bianchi - L'11 marzo esce "McMao", il nuovo album. Ecco i testi in anteprima
03/03/2014

L'11 marzo esce "McMao", il nuovo album. Ecco i testi in anteprima

 

LA SCUOLA CIMITERIALE


Per sempre è una promessa interessante / se non fosse per l'intoppo di durare un poco troppo / La tua nascita amico è stata un bluff / perché non basta un boia per tagliare la testa della noia /Te l'avevo giurato questo io lo so / ma non sono un bugiardo il destino è un colpo di biliardo / a volte la buca la decidi tu / a volte chiudi gli occhi tiri e non ci pensi più / E chissà se lei lo sa che io lo so anche se non c'ero / che il mio nome l'ha scelto tra le lapidi di un cimitero / Ho puntato in grande / ho puntato in grande / E quando ci credevo poi non m'è rimasto niente /Ho sbagliato tutto / un gesto istintivo/ ma quando ci credevo mi sentivo vivo / Statisticamente i materassi / durano molto di più dei matrimoni e dei rapporti / quelli sono dei posti che assomigliano a degli incubi / Lo sai per salvarmi dove devo andare? / Nel mio stomaco / dove c'è un confessionale / dove cerco di capire la mia sorte / per avere fornicato sul letto di morte / E chissà se lei lo sa che io lo so anche se non c'ero / che il mio nome l'ha scelto tra le lapidi di un cimitero / Li ho realizzati tutti / ma i sogni che ho vissuto / sono una parodia di quelli che avevo sognato



HANNO UCCISO UN DROGATO


Sono finiti i tempi / in cui avevi paura / che ti cascassero i denti / perché ne avevi bisogno per sorridere / Adesso invece li usi solo per mangiare / adesso infatti sono pieni di carie / Quando volevi morire da vecchio / ché ti serviva tempo per i tuoi sogni / se li volevi realizzare / non ti sarebbe bastata tutta l'era glaciale / Quando dicevi che bisogna stare / un po’ coi piedi nel fango / per dire alla sera / "anch'io sono stanco" / Oggi hanno ucciso un drogato / e ho visto Dio che ha pianto / perché anche lui vorrebbe volare / ogni tanto / Perché quelli che vivono uguale / hanno un'idea della bellezza così volgare / pensano che sia / una cosa che serve per scopare / Oggi hanno ucciso un drogato / l'hanno fatto in fretta / quelli che imparano dai libri il verso della mucca / Erano quelli che parlano uguale / quelli che vestono uguale / quelli che pensano uguale / lo hanno ammazzato e fatto pure il funerale / E hanno mostrato le lacrime dentro la bolla / quelle finte lacrime di cipolla / come quando ci volevano ingrassare / e scannarci al primo gelo / come il maiale / Oggi hanno ucciso un drogato / e ho visto Dio che ha pianto / perché anche lui vorrebbe volare / ogni tanto / Perché quelli che vivono uguale / hanno un'idea della bellezza così volgare / pensano che sia / una cosa che serve per scopare / Se si potesse fare come con il cesso / dove lo schifo va nel fondo / se si potesse fare pure col mondo / con il mondo


COCCODE'


Ma vacci tu e le tue opere prime! / Ho affinato l'arte dell'ozio fino al sublime / Sai cos'è / la gente ti paga / fai “coccodè” / la gente s'appaga / Che te lo dico a fare / andare a spasso è un lavoro normale / Perché i versi li scrive la vita / io li ricopio con la matita / Il posto più pericoloso non è Baghdad / il più pericoloso è il cesso dell'università / Il piscio a terra e intorno i figli di papà / Cribbio si perde l'equilibrio / si perde l'equilibrio! / Perché l'educazione non la impari da un libro / E quando preso dalle tue letture sul pessimismo cosmico / dicevi: "hey olé olà lo devo dire / non vedo l'ora di morire / perché non ce la faccio più / Ti prego Dio pensaci tu!” /Come una mosca che sbatte sul vetro / quasi fosse il suo credo / non riuscirai mai senza la tua maestra / a scappare dalla finestra / Il posto più pericoloso non è Baghdad / il più pericoloso è il cesso dell'università / Il piscio a terra e intorno i figli di papà / Cribbio si perde l'equilibrio / si perde l'equilibrio! /Perché l'educazione non la impari da un libro / E se per caso mi condanneranno / a leccare le chiappe agli dei / prenderò a morsi ogni culo del cielo / mi piace il sapore dei guai / Sì! / Se per caso mi condanneranno / a leccare le chiappe agli dei / prenderò a morsi ogni culo del cielo / mi piace il sapore dei guai


OGGI CHI SONO


Datemi uno specchio / e vi solleverò il morale / non sono niente male / non sono niente male! / Prestami i tuoi occhi / ho voglia di guardarmi bene / guarda che capolavoro / questo volto vale più dell'oro /Camminavo per la strada / le ragazze con la bava / pure un uomo m'ammiccava / un bell'uomo / E prima di uscire / se mi guardi in tutta fretta / scoprirai che sul mio volto / c'è attaccata un'etichetta / Forse gioco a fare finta / forse questo è un gioco pazzo / tutti sanno che nel giro / ci entri solo se hai un prezzo / E per questo non lo vedi? / Sul cartello c'è lo sconto / questa sera chi mi compra / se la gode fino in fondo / E se mi vuoi davvero / presto io sarò il tuo sogno / chiudi gli occhi gentiluomo / e metti mano al portafoglio / Io non credo nei rapporti / non credo nei sentimenti / A me piacciono i contanti / conto solo sui contanti / E siccome sono solo / quello che ho addosso / oggi chi sono? E cosa indosso? / Oddio! / E nel mezzo dell'arsura / guarda là la mia figura / sul vetro di una vetrina / che fortuna stamattina / Importante come il Nilo / ho notato il mio profilo / Già li vedo i tuoi tremori / qui dinanzi ai miei colori / Sono come un bel pavone / io ti mostro le mie piume / E se mi vuoi davvero / presto io sarò il tuo sogno / chiudi gli occhi gentiluomo / e metti mano al portafoglio / Io non credo nei rapporti / non credo nei sentimenti / A me piacciono i contanti / conto solo sui contanti / E siccome sono solo / quello che ho addosso / oggi chi sono? E cosa indosso? / Oddio! / E siccome tu sei solo / il tuo conto in banca / eccoti il mio cuore in pegno / in cambio di un assegno / E siccome tu sei solo / le tue proprietà / io ti amerò una settimana / se me ne dai la metà


IL CANTICO DELLE FOTOGRAFIE


Hey!! /Il sole m'annoia così tanto / sempre uguale / sempre così banale / La natura m'importa anche meno / niente per cui valga la pena / di essere sereno / E la luna / m'è sembrata così cretina / da quando ho visto per la prima volta / una lampadina / Il mare è così deludente / non si inventa mai niente / se non qualche variazione del colore celeste / Io credo che sia / più interessante la peste / L'infinito non ha fine / ma un inizio ce l'ha / L'ho capito stamattina all'alba / il suo inizio sta nell'occhio di chi guarda / E se scattassi una foto / la mia paura sarebbe questa qua: immortalare un momento sbagliato di eternità / Questa è la conclusione / è la mia conclusione: se la vita è uno sport / io no / non sono un campione / No / io non sono un campione /Come vedi il sole splende / ogni giorno si riaccende / ma non pensa certo a te / splende soltanto per sé


LA PASTICCA BLU


Amore non ti posso sposare / le tue scarpe sono troppo costose / e tutti i giorni dal parrucchiere / neanche fossi il Re Sole / E se ti sposo poi mi tocca lavorare / lo sai che l'urlo della sveglia / non lo posso sentire / non lo posso sentire! / Ed io non riesco a guardarti più negli occhi / te ne accorgi quando facciamo sesso? / Che non riesco a guardarti più negli occhi / forse è per questo che ti abbraccio tanto spesso / Non m'aspettavo certo che voi capiste / che il mio volto non era serio / no il mio volto non era serio / il mio volto era triste / Tienilo presente / la tua vita è una partita dura / tu non sei una diva / la cui partita è la partita Iva / Ci vuole la pasticca blu / per amarsi di più / Ci vuole la pasticca blu / contento io / contenta tu / Adesso che siamo così stretti / riconosco tutti i tuoi difetti / un tuo abbraccio sta all'arte materna / come un cesso all'arte moderna / Ti porterò dove volevi tu / ti porterò ad Hollywood / dove le coppie durano poco / dove l'amore è solo un gioco / E la mia pelle per te/ diventerà / come una frontiera / perché presto tornerò / single come il Papa / molto più single del Papa
Tienilo presente / la tua vita è una partita dura / tu non sei una diva / la cui partita è la partita Iva / Ci vuole la pasticca blu / per amarsi di più / Ci vuole la pasticca blu / contento io / contenta tu / A volte mi capitava / di parlarti di quello stupore / ma siccome non l'hai mai capito / alla fine l'ho dimenticato / Ma come fanno in Africa ad amarsi col caldo che fa? / Ma come fanno in Africa ad amarsi col caldo che fa? / Ci vuole la pasticca blu per amarsi di più / Ci vuole la pasticca blu per amarsi di più / Ci vuole la pasticca blu / non la senti la noia che mi butta giù? / Mi serve la pasticca blu / adesso che tu non mi basti più / Io prendo la pasticca blu / da quando non mi capisci più / Ho preso la pasticca blu / contento io / contenta tu



JAMES DOUGLAS MORRISON


Volevi essere immortale / non mi sembravi così banale / Fratello mio avevi torto / sai non c'è gusto ad esser morto / Ti farei vedere quello che hai lasciato / se fossi immortale saresti già tornato / Quelli che hai odiato / la tua foto nel taschino / quasi fosse un santino / E le frasi biascicate sui diari delle medie / per le risate mi fanno male le mascelle / Tipo "non bucare la tua pelle" / non mi sembra le abbia dette tu / cazzate come quelle / La bellezza dei nostri sbagli / si scontra con le necessità dei loro portafogli / Loro ti portano su un piatto d'argento / e sognano / che tu ci muoia dentro / Tra le cose che hai detto / ce ne sono di carine / Vivere ogni giorno come se fosse la fine / Sai mi sembra un pensiero cretino / Devi vivere ogni giorno come se fosse il primo / con la curiosità di un bambino / con l'ingenuità di un bambino / con la crudeltà di un bambino / con la felicità di un bambino / T'ho amato tanto amico mio / e adesso nel mercato ci sono io / Sono nudo sul bancone con le mani legate / i macellai con gran gusto fanno grandi risate / Il mio odio l'ho cantato con tutto il mio amore / ma durerò il tempo che vuole il padrone / Mi butteranno via senza niente in tasca / forse era meglio se morivo nella vasca.
 


REQUIEM PER UNA MADRE


Fiocca la neve dal cielo grigio / sputa su questo mio cuore vuoto / Gioca / tu sei un fiocco di neve / Lo sento / tu sei un fiocco di vento / Sole / domani non devi sorgere / Sole / domani tu non puoi sorgere / Lei si scioglierà / lei si scioglierà / Dovrei prenderla e chiuderla nel freezer / devi farmi a pezzetti per stare con lei / Vado a dormire sei mesi come gli orsi / scappo via per settimane come il mio cane / vado a dormire all'infinito / come ogni uomo col contratto indeterminato / A lui che parla dei suoi grandi passi / e non capisce che per quanto mi riguarda
i grattacieli sono troppo bassi / i grattacieli sono troppo bassi! / La salvezza è qui dentro / qui non ci sono le persone indecenti / che vestono male per sembrare intelligenti / Dove non fermiamo gli orologi / io e te / ma almeno fermiamo il tempo / Dove ti spoglierai / come l'inverno spoglia gli alberi / E poi dai giorni scapperai / lo sai / non ti prenderanno mai / Vado a dormire sei mesi come gli orsi / scappo via per settimane come il mio cane / vado a dormire all'infinito / come ogni uomo col contratto indeterminato / A lui che parla dei suoi grandi passi / e non capisce che per quanto mi riguarda / i grattacieli sono troppo bassi / i grattacieli sono troppo bassi! / Che senso hanno le cose belle / se tu non ci sei più? / Mi fanno schifo le cose belle / se tu non le puoi vedere più / Lo sai la vita non ci ama / è una figlia di puttana / Ma c'è una soluzione per fermare le ore / adesso chiedo al Signore / che ci infili nel congelatore / così scappiamo via da questo orrore / Chiamo il sicario e dico / “Vieni a farci a fette / però prometti che poi paghi le bollette” / Chiamo il sicario e dico / “Vieni a farci a fette / ti lascio i soldi poi tu paghi le bollette” / Che il cuore con il tempo ha fatto un contratto / lui deve dimenticare / sennò diventa matto / E tu nel freezer ci dovrai custodire / là dove il tempo non ci può avvelenare / Le dico "adesso non tremare perché / quando arriverà il mostro sarò lì con te" / Che senso hanno le cose belle / da quando non ci sei più? / Mi fanno schifo le cose belle / perchè non le puoi vedere tu


IL CINEMATOGRAFO


I film americani sono tutti uguali / i film americani hanno gli effetti speciali / Lo so che i film francesi sono un po’ noiosi / ma almeno m'addormento e non perdo tempo / Ho visto i film espressionisti tedeschi / dove tutte le facce somigliano a dei teschi / Sono dei capolavori perduti / io credo / ma tu dici / "solo perchè erano muti" / Ed anche il cinema dittatoriale cinese / si ritroverà a fare i conti delle spese / Ed anche il cinema dittatoriale cinese / stessi colpi di scena / sai le stesse sorprese / Ho visto alcune pellicole giapponesi / non avevano pari / piene d'arti marziali / Stupende fino a un punto della trama / dove c'era una battuta / detta un po’ all'americana / Mi son detto "porco Giuda che noia / ma non vi ha insegnato niente la storia?" / Ed anche il cinema dittatoriale cinese / si ritroverà a fare i conti delle spese / Ed anche il cinema dittatoriale cinese / un po’ di sangue / un po’ di soldi / e quattro donne distese / I film italiani erano il mio vanto / ma adesso fanno pena quasi tutti quanti / Ho il vago sospetto che facciano i film in alta definizione / per compensare la bassezza morale delle persone / Ogni cosa che dicono è banale / ma non si accontentano / la dicono pure male!
 

LA RAPINA COLLETTIVA


Quel bimbo ha capito tutto / se lo vedete non ci credete / S'è messo a giocare alla guerra / coi pastorelli del presepe / Lo guarda / lo scruta / ti chiede / "Mamma / ma quello è babbo natale?" / vedendo un tipo sulla finestra / per la diretta del primo canale /Di regali lui ce ne ha tanti / però li tiene tutti per sé /È il modo per tirare avanti / questa sua fiction sul bidet / La notte della Vigilia / cantavi Tu scendi dalle stelle / Per forza mi nascondevo / mentre ridevo a crepapelle / La mamma mangiava il pandoro / mentre il creatore era stato creato / non s’era accorta che Cristo era nato / tra due soldati ed un carro armato / Ce la puoi fare amico / ce la puoi fare! / È come quando ti svegli / col tuo stesso russare / Tutte le banche vi apriranno gli sportelli / se voi direte le parole magiche / "Tutti contro il muro figli di puttana! / Questa è una rapina!" / Tutte le banche vi apriranno gli sportelli / se voi direte le parole magiche / "Se collaborate nessuno si farà male / Questa è una rapina / questa è La rapina!" / Tutte le banche vi apriranno gli sportelli / se voi direte le parole magiche / "Non fate gli eroi / stiamo lottando anche per voi" / Tutte le banche vi apriranno gli sportelli / se voi direte le parole magiche / "Tutti contro il muro figli di puttana! / Questa è una rapina / La rapina collettiva!"

Tag: anteprima testi

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Com'è Brunori Sa, il nuovo programma di Dario Brunori su Rai 3