Max Casacci e l’unica risposta che si può dare oggi a Morgan

La storia si ripete, sempre più come farsa. Morgan se la prende con i Subsonica, con cui sarebbe voluto andare a Sanremo. Non c’è nulla di divertente in tutto questo: unica opzione, starne alla larga (anche per il bene di Morgan)

Morgan sempre più villain stile Marvel
Morgan sempre più villain stile Marvel

Uno pensa di potersi annoiare arroventato dal sole sahariano e invece niente, riappare Morgan dal nulla a ricordargli che il freddo febbraio e tutte le fantasmagorie sanremesi non sono poi così tanto lontane. La carriera musicale di Morgan ormai non è neanche una cosa viva, perché a tutti gli effetti non realizza musica degna del nome che porta da anni, nei quali ha fatto di tutto bruciare la terra accanto a lui e non far più ricrescere l'erba.

Per farla breve, dopo il concerto di qualche settimana fa al Rugby Sound Festival che vedeva in cartellone i redivivi Bluvertigo insieme ai Subsonica, Morgan ha contattato il chitarrista e producer della band torinese Max Casacci per arrangiare un suo pezzo nuovo insieme e magari potersi presentare insieme a Sanremo. Esatto, proprio nello stesso teatro su cui l'ex golden boy monzese si è presentato insieme a Bugo, creando quell'inception di rovina che ha portato Bugo a lasciare il palco, poi i meme, le accuse, il covid, la guerra, l'emergenza climatica e il vaiolo delle scimmie. Non che le cose siano collegate in alcun modo ma è sempre bello poter immaginare che lo siano e che la pace tra Morgan e Bugo possa mettere fine alle catastrofi degli ultimi tre anni. Ma non divaghiamo oltremodo.

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Max Casacci (@maxcasacci)

 

Ovviamente Morgan ha rilasciato un'intervista in cui ha dichiarato, dopo l'hype del concerto con le due band sullo stesso palco: "Ho pensato: cazzo, dobbiamo fare delle cose assieme, ho scritto a Max Casacci e sono rimasto gelidamente seccato dal suo no". In un lungo post su Instagram, Casacci ha spiegato la sua versione dei fatti con parole inequivocabili, che riportiamo fedelmente qui sotto: 

 

Cattivissimo me. Eccoci alle prese con una notiziola trangugia click.
Morgan lamenta un presunto “niet” alla sublime manifestazione della sua Arte, ad opera di un triviale e insensibile Casacci. Vediamo un po’ di cosa si tratta.
Lo scorso anno a seguito di una foto scattata nei camerini, durante la manifestazione omaggio a Franco Battiato “Invito al viaggio”, che ritraeva Subsonica e Bluvertigo insieme, si accese un certo “hype” sui canali social di radio e magazine.
A seguito di ciò Morgan propose di cogliere l’occasione, di adattare uno dei suoi brani nel cassetto e di presentarci insieme nientemeno che a Sanremo. Ora, vorrei un attimo inquadrare il contesto: Subsonica a Sanremo non è una cosa che prendiamo così alla leggera, ma anche l’immagine “Morgan a Sanremo” trascina con sé un impegnativo pregresso. Colgo l’occasione per fare un saluto al grande Bugo.
Faccio una domanda, per alzata di mano: chi avrebbe voluto partecipare a Sanremo insieme a Morgan, nella parte di Bugo? Vediamo un po’…strano, non vedo mani alzate.
A parte questo i Subsonica in quel momento erano in altre faccende, più o meno individuali, affaccendati. Io intonavo lupi api e balene di Earthphonia, per esempio.
In una band esiste sempre il portavoce delle posizioni scomode e mi toccò formalizzare il diniego. L’unico vero no ad oggi pronunciato.
Veniamo al presente: Bluvertigo e Subsonica salgono insieme sul palco del Rugby Sound Festival di Legnano. Serata bellissima, abbracci intensi.
Il giorno dopo il cellulare si riempie nuovamente di messaggi esplosivi che riprendono le fila del discorso di un anno prima. “Perché ti ostini a non prendere in considerazione…etc ”. La risposta sarà che i Subsonica sono in procinto di confronto per un prossimo album e che prenderemo sul serio la proposta di scrivere un brano con i Bluvertigo. Con calma.
Date queste continue dichiarazioni sul perfido Casacci, mi pare di capire che il vero obiettivo sia la chance di rientrare nelle grazie di Sanremo dopo il patatrac, utilizzando le band come truppe cammellate. Con buona pace dell’Arte e del Genio. Dato l’affetto fraterno che provo per Marco e la stima immutabile, “quasi quasi” spero di sbagliare.

 

Niente da dire, un chiarimento in piena regola con descrizione di tempistiche, impegni e il ragionevole dubbio che andare a Sanremo con Morgan non sia la cosa più facile del mondo, visto lo sputtanamento in mondovisione del povero Bugo e l'instabilità caratteriale di Morgan. Ecco, Morgan non ha tardato a rispondere a Casacci con il suo solito aplomb inglese e il solito basso profilo, scrivendo i versi di una canzone tutta incentrata sulla persona di Max Casacci, come potete vedere qui sotto dallo screenshot della storia Instagram che conteneva tali strofe.

Come vedete, vi sono complimenti e attestati di stima come "presuntuoso opportunista finto comunista in realtà fascista", "bullone nel culo", "fratricida e sleale". Max Casacci deve aver verosimilmente poco gradito tutti questi complimenti. Morgan ha poi rincarato la dose con un messaggio privato verso Casacci, che  ha pubblicato sempre su Instagram, il social delle faide.

Come andrà a finire questa ennesima battaglia? Onestamente ci interessa poco, abbiamo le nostre opinioni e di certo non possiamo dare torto a Max Casacci che si è visto tirare pubblicamente di mezzo da un artista sempre più simile a un mitomane che non perde mai occasione per rilasciare dichiarazioni come minimo provocatorie, spesso compromettenti, ai limiti delle manie di persecuzione.

È del tutto legittimo non essere granché felici di partecipare a Sanremo con Morgan, e che lui la pensi diversamente mette angoscia sulla sua percezione delle cose. È stato l'unico cantante in tutta la storia della manifestazione a fare un atto che squalificasse e mettesse di mezzo il compagno di duetto, non sarà certo il primo a cui si possa pensare per un team-up. In più, la carriera dei Subsonica funziona sempre bene, quando si riuniscono per un album e relativo tour ci sono un sacco di persone a vederli e ad ascoltarli, quindi l'idea del Sanremo in duetto non sembra adatta, essendo più una mossa fatta per lanciare o rilanciare percorsi poco conosciuti o che hanno subito una battuta d'arresto. Sarebbe di sicuro molto più conveniente per Morgan.

 

Quest'ultimo deve darsi pace, fa intimamente male vedere un talento sprecato così tanto, che guadagna le cronache solo per episodi di gossip. Non se ne può più di Morgan contro tutti, che siano Bugo, Calcutta, i Subsonica, Amadeus, la Rai, Sky, le ex compagne, basta. Un artista dovrebbe tenere la sfera privata per sua stessa definizione più privata possibile e farsi conoscere per la propria arte, non il contrario. Altrimenti viene da pensare che il tocco magico sia irrimediabilmente perduto e che ormai non resti altro che vendere pezzi della propria vita. Noi continuiamo a sperare che non sia così, basterebbe una bella canzone per farci tornare la passione, senza quella la pazienza è ormai esaurita.

 

TESTO CORRETTO IL 26 LUGLIO

---
L'articolo Max Casacci e l’unica risposta che si può dare oggi a Morgan di Simone Stefanini è apparso su Rockit.it il 2022-07-25 14:14:00

Tag: polemica

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • Ghiacciolo 20 g Rispondi

    Morgan è così portatore di cattivi pensieri che ti ha persino fatto scrivere Max Casaccio a un certo punto 😁 Ma la cosa più incredibile è che questa sarebbe in ogni caso l'ultima delle offese subite da Max in questa situazione