MI AMI 2007, seguilo in diretta bacio dopo bacio

08/06/2007

(Campioni!)

Terza edizione e quest'anno ci proviamo. Vogliamo raccontarvelo minuto per minuto, bacio per bacio. Niente può eguagliare lo stare in un posto e il vivere l'evento proprio dove si svolge, ma a tutti coloro che sono costretti a rimanere a casa vogliamo dare uno squarcio diaristico di quanto sta accadendo al Circolo Magnolia di Milano. Perchè MI AMI vuol dire fiducia. E devono saperlo tutti.

AGGIORNARE LA PAGINA.



Ore 12:34
E' iniziato il day-four, quando cominci a capire veramente cosa é successo ma - soprattutto - sai di non dover più sgobbare! Però é stato bello, bellissimo, e i ricordi ancora freschi di svariati momenti si accavallano. Soprattutto quelli in cui cercavo un po' di relax ascoltando qualche band tra il Pertini e La Collinetta o più semplicemente girando tra i banchetti per fare quattro chiacchiere con tutti coloro che conosci e con i quali durante l'anno scambi un sacco di mail. Il ricordo predominante, comunque, è legato all'atmosfera che c'era nell'aria, perché guardando la gente in faccia si capiva che era qui per divertirsi ascoltando della buona musica. Una (bella) soddisfazione, no? // F'ko

Ore 20:41
La situazione oggi è veramente tranquilla. Di quelle che te la prendi in sciallo e poi lasci fare. Se solo questa malattia se ne potesse volare via... Ma facciamo un po' di amarcord. Un pizzico di nostalgia già maldigerita per questa giorni appena finita. Ve l'avevamo detto che Joe dei La Crus è salito sul palco assieme ai Perturbazione? Una delle tante cose successe da queste parti. Notti piene di Magia. Notti che sarà difficile dimenticare. Oggi che siamo qui senza ansie nè particolari incombenze e pensiamo soltanto ad accompagnare la gente giunta per sdraiarsi sul parto con un po' di sanamusica. In questo momento è Just Flow del nostro Wad a pumpare up il beat con storie buone. La gente incomincia a tornare e il sole cala. Il giorno tre non è ancora finito e tutto ha un sapore dolce. // C-Pa

Ore 17:21
Mentre Polaroid in questo giorno di sole suona gli Yuppie Flu e crea una connessione con l'anno scorso, si inizia a pensare a cosa sia andato bene e cosa no di questo MI AMI 2007. Per ora godiamo. Per tutta la gente che è venuta, 12000 (dodicimila!) persone che hanno invaso il Circolo Magnolia come un tornado pieno di vita e di colori. Tante band, tantissime, tante di cui hanno eseguito i loro migliori concerti di sempre. La gente fra gli alberi camminava e faceva luccicare l'area banchetti mentre l'aria si crivellava di stelle. La Musica ringrazia, Rockit anche. // C-Pa

Ore 15:41
Com'è che la chiamano... decompressione?!? Boh, fa lo stesso... sta di fatto che oggi non sto a chiedere "C'hai due euri?", la mia ossessione dei due giorni appena passati! Però mi ricordo altro, tipo Giorello immobile, mentre la gente balla impazzita col dj-set di De Luca e De Gennaro, davanti al palco, impassibile a bere e fumare in una dimensione tutta sua! Oppure Fiz che urla come un dannato "Abbiamo vinto!", alzando la coppa (non era proprio la coppa...) al cielo! O ancora tutti i passaggi fatti con i vassoi pieni di pietanze, in mezzo alle persone affamate, dalla cucina al catering... bella sfida, eh?! E un sacco di altre cose che, per dirla come la direbbe Acty, "se semo fatti un bucio de culo!". Però né é valsa la pena... diobono se ne é valsa la pena!!!

Ah... c'hai due euri???? Dai che li trovi, guarda bene in tutte le tasche! // F'ko

Ore 13:08
Di ieri ricordo:
Mi è sembrato simile al Teste vuote ossa rotte del 1998 - uno dei miei primi festival seri - con i Nofx che se ne stavano a lato a vedere i Buzzocks alle 5 del pomeriggio - i Nofx avrebbero chiuso poi la serata. Quando sul palco c'era il Teatro degli Orrori a lato c'erano tutti: i Julies, Giorgio Canali, i Settlefish e via via gli altri. Tutti partecipi e partecipanti. Dopo De Luca mi ha salvato la vita. Se Lou Reed avesse conosciuto De Luca negli anni '60 avrebbe scritto "Perferct Day" molto prima. Se vi domandate che fine ha fatto quella ragazza - crudele, carina, bella - io ho reagito così: ho messo la maglietta "Non Innamorarti" e ho fatto il duro. Oggi forse torna. Tra poco parte il dj set. // Sa-g

Ore 07:10
Due ragazzi fanno l'amore sul prato.

Abbiamo mangiato un gelato.

Usiamo i guanti per pulire.

Ho trovato più soldi di Fiz.

...e la gente forse comincia a capire. // Acty

Ore 23:10
Porca puttana. E' il Teatro degli Orrori o il terremoto di Pompei sul palco del MI AMI? Sono le migliaia di persone affollate per entrare al festival di Rockit o una proiezione della gente che ha pagato per il festival di Pitchfork? E' tutto vero cazzo. E' tutto italiano. Non è facile crederci. A due passi dal Magnolia c'è il concerto dei Good Charlotte, band che va su Mtv a farsi spompinare dalle teenagers e loro (i Good Charlotte) sono qui al MI AMI. Non è facile crederci. Ma è vero. Abbiamo spaccato tutto. Porca puttana. Non è finzione. Non è un comunicato stampa questo. Tutti contro tutti nessun ostacolo! // M-Wad

Ore 19:11
Canali sta spaccando tutto! // M-Wad

Ore 13:55
Per quanto mi riguarda, è stata una notte di inferno. Ma di inferno proprio eh. Dormito poco e male, in balia di una brutta somatizzazione di tutta una serie di preoccupazioni assurde. Però che bello ieri sera. 4000 persone a regalare attimi indebili e una cornice di pubblico impressionante. Gran concerto degli A Toys Orchestra, che hanno mandato in visibilio gli indierockers affluiti copiosi e come al solito buonissime prove live di Perturbazione e Marta sui Tubi. Fantastica la performance di Tommaso, il cantante dei primi, che scende in mezzo alla gente e fa saltare tutti filmando la situazione con una camera infilata a mo' di elmetto; e tubesca la prova dei secondi con picchi di godimento sull'intro che nient'altro è che lo spot realizzato per RADIO ROCKIT e sulla cover di "Where is my mind?" dei Pixies. Lorsignori sulla Collinetta poi avrebbero visto una massiccia partecipazione ai live di Marti e al reading di Brizzi + Numero 6. Si finisce poi danzando sulle storie un po' rock un po' hip hop dei Crookers. Il resto lo facciamo oggi. Se non riuscite a venire, state sintonizzati. // C-Pa

Ore 10,30, o qualcosa di simile
Ho dormito sul palco. Lo racconterò ai miei figli - so che avrò dei figli prima o poi. Mi sveglio con gli occhiali di Pertini che mi guardano contenti. Il pugno è sempre lì, pronto. Oggi c'è il sole, fa caldo, abbiamo tutti dormito poco. Incomincia una nuova giornata. / / Sa-g

Ore 03:48
C'è sempre qualcuno che ha voglia di spegner tutto. Ma il fuoco non lo spegni se soffi e basta. Serve urlare. Oggi lo abbiamo fatto abbastanza. E se non c'eri hai perso un bel pezzo di buona musica italiana. Dai Marta sui Tubi, al solito rincoglioniti tra Do di-petto e cover demenziiali per disinfetattare a dovere l'aria nordica dei milanesi tipo, agli scleri intellettuali-quanto-basta per il pubblico della Collinetta. Coinvolgimento allo stato puro. Affluenza eccellente. Sensualià accellerata. Pizza buona. Salamelle pure. Ma tranquilli che domani torna. Ha fatto una promessa. Non perdertela. Dal primo pomeriggio fino a notte sarà qui ad aspettarti con le braccia calde e la gonna un pò sollevata. Potrai spiarla, immaginarla e penetrarla. Sarà amore. Sarà importante. Sarà MI AMI, anche domani. Dormi bene. Passala meglio. Di più. M-Wad

02:42
Quindi siamo vicini al fine serata? Ma figurati, sono le 2 e mezza, ce ne vuole ancora un bel po'. I Marta sui tubi cantano "Nella Vecchia Fattoria" e la mischiano con "Ero contentissimo" - di Tiziano Ferro, io adoro Tiziano Ferro, mi spiace che si prendano gioco di Tiziano Ferro - e io ho addosso l'odore di una ragazza carina, bella, ma un po' crudele. Quindi: il MI AMI ti spinge a cercare l'amore e poi quando lo trovi annusi un attimo, al massimo ci dai una leccata, e poi lei va via con un altro che si chiama anche lui Sandro, ma che studia ingegneria e abita in piazzale Lodi. L'odore ti resta addosso - perché ci hai fatto un po' di tutto - ma non molto di più. I Marta sui tubi fanno "Vecchi difetti" e tu pensi che "succo acerbo di densi silenzi che colleziono da tempo" è proprio una bella frase. Ma sono appena stato preso in giro da una ragazza e loro hanno preso in giro Tiziano Ferro. Non mi basta una bella frase per sorridere. / / Sa-g

Ore 1:51
La stanchezza non è un'opinione. Nemmeno i suoni del MI AMI. Potenti. Forti. Aggressivi. Dolci. Potenza nelle foglie che sono appese ai rami, sentimentalismo nelle chitarre che esplodono sul palco e infiammano gli amplificatori. Il Pertini sta per essere scopato dai Marta sui Tubi e la gente gode. Anche la Collinetta è piena di orgasmi umani e genetico-sonori. E' musica ragazzi. Vi avevamo già dato un'idea, ma solo le migliaia (infinite) di persone che son qui potranno dirvi. E domani sarà peggio. Cioè ancora meglio. Il cast è ancora più pieno. E la gente lo sa. Tu lo sai. Qui è figo. E' F.I.G.O. Gente che esplode, banchetti in movimento, affluenza come nemmeno-noi-potevamo-pensare. Tutto ciò non merita conclusioni. Ma un punto e accapo. Del tipo che vado sotto il palco. Perchè lei è là e non posso perdermela. Nemmeno un'istante. E' notte. E' magico. Al MI AMI non poteva non essere così. Son qua, ma dove sei? // M-Wad

Ore 21:58
E' sceso ormai il buio sul parco del Circolo Magnolia. La gente continua ad affluire. Saremo ora intorno alle mille persone. Sul Palco Pertini hanno appena terminato la loro esibizione i Carpacho!. Li abbiamo visti decisamente più in forma rispetto ai concerti del Pensiero Stupendo di Roma e della Casa 139 di Milano. Tonici. Divertiti. Il live deve ancora raggiungere i liveli di massimo godimento che provoca il loro disco ma la strada battuta è quella della stimolazione e del solletichio. Che bello cantare le canzoni imparate a memoria ragazzi. Che bello ficcarsi una patata in bocca e lasciare andare alle melodie. Ma stop alle telefonate e stop ai melensismi. Ora partono gli A Toys Orchestra mentre sulla Collinetta si perpetua la Magia. Vedo dei ragazzi camminare verso i palchi. Sono solo le dieci e sembra che tutto stia accadendo eppure tutto debba ancora cominciare. // C-Pa

Ore 20:33
Sono da poco passate le venti e tutto incomincia a crescere vertiginosamente. Dopo un giro veloce fra un'area banchetti davvero affollata, si passa da un palco all'altro. Colorata l'esibizione degli Ex-Otago, che sicuramente – se non altro – vinceranno il premio come band più stilosa del tardo pomeriggio (impressionante il pubblico per loro: la gente cantava le canzoni a memoria nonostante il disco sia appena uscito); colori che invece cadono nel profondo verso il nero quando si passa sulla Collinetta dove i Vanessa Van Basten stanno eseguendo con preparazione tecnica notevole e un poco di imbarazzo le loro suite postrock al confine con il metal. I fantasmi degli Slint e degli Jesu lottano con i fantasmi degli anni ottanta. Chi vincerà? Per intanto ci godiamo un fantastico pin pong fra i palchi e magari ci rotoliamo nel prato che c'è un'afa che non concede niente. // C-Pa

ore: 18:35
E' così utile il check sound. Non puoi farne senza. Poi si parte. Questa è la vita ragazzi. Dopo aver massaggiato l'aria del Magnolia, lo spazio dell'Idroscalo è diventato di tutti. Bella gente. Pettinati bene (non tutti) e vestiti a righe (non tutti). Amanti del genere (tutti?) e curiosi lettori di giornali. E poi c'è lei. La senti già da un'ora. La Collinetta è piena di lei. Il Pertini pure. Non c'è un headliner da aspettare ma un festival da viversi. Tutto. E il vento tira bene. Una bella aria di tensioni positive, birre, indie rockers e gente in minigonna. Anche se quest'anno va più di moda il pantaloncino. Seeeeeexy. E' bello qui. La gente fa le foto e le interviste. Alcuni chiedono accrediti, altri spillette e altri sigarette. E i banchetti sono una vetrina gigante di arte dal sottosuolo. Passa lei e tutto è più bello. E' penetrante. La stavamo aspettando. E da oggi fino a domenica ha promesso di essere qui. E non si muove di qui. Buona Musica. Buon Ascolto. Facci un salto. Uno squillo-ed-esco a prenderti. Manchi solo tu! // M-Wad

Ore 14:48
Circolo Magnolia. Dopo le piogge di ieri ci sono 27 gradi a ricompattare la poca fanghiglia che circonda le strade e i palchi di questo parco magnifico. Per il resto ad alzare la temperatura ci pensa l'adrenalina. Mancano ormai poche ore all'inizio della terza edizione del MI AMI e non resta che risolvere gli ultimi problemi organizzativi, montare le ultime transenne, spostare gli ultimi banchetti (si aggirano uomini a petto nudo sprezzanti dello schifo e del sudore come energumeni schiavi romani, voga! – apprezziamo la fatica quando è finalizzata a raggiungere un Obiettivo, quest'anno più di altri Importante). La gente arriva e porta le proprie cose per allestire i banchetti, quest'anno è stato raggiunto il record assoluto di espositori ma in realtà lo diciamo più perché è prassi dirlo che per altro. A noi interessano la qualità e il colore, e guardando i banchettari in faccia pare che sarà così. Gli alberi dell'Idroscalo hanno scelto un verde forte per questo 2007, e Rockit invece ha optato per un arancio fluo che dà il senso dell'energia e del colore di questa nuova edizione piena di Musica e di gruppi. Prossimo aggiornamento dopo il soundcheck dei Perturbazione previsto intorno alle 15:30. Intanto ipare che ci siano tutte le carte per stare bene. Sole compreso. Incrociamo le dita.

// C-Pa



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati