MI AMI 2013 - Vi presentiamo tutte le band che suonano / Venerdì 7 giugno

Tutti gli artisti del MI AMI, presentati uno per uno - Venerdì 7 giugnoTutti gli artisti del MI AMI, presentati uno per uno - Venerdì 7 giugno
30/05/2013

MI AMI 2013
7.8.9 GIUGNO
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO
www.rockit.it/miami

ASCOLTA E SCARICA LA COMPILATION CON TUTTE LE BAND DEL MI AMI

 

VENERDI' 7 GIUGNO

PALCO PERTINI

Noyz Narcos
Da quando era hardcore e rozzo ad oggi Noyz Narcos non è cambiato per niente, è successo però che il rap hardcore e rozzo piace a moltissima gente in più, cioè molta di più rispetto a quando lui ha cominciato. Non ha fatto altro che rimanere se stesso, con ancora più rabbia e violenza dentro i dischi. Al massimo un paio di tattoo in più.

Linea 77
I piedi piantati negli anni '90, quando si parlava di crossover. Oggi quella parola è scomparsa, ma i Linea 77 ci sono - con una diversa line up - e cantano con la stessa rabbia di un tempo. Sotto il Pertini urleranno "Avevate ragione voi", ma nessuno ha idea di arrendersi. E come sempre sarà una bella botta.

ZEUS!
Dicesi “calcio nei denti” quando tutto l'immaginabile – dal carro armato che sfonda nel villaggio in fiamme, fino ad una più consueta bomba atomica – ti arriva in faccia. Moltiplicato per due: basso e batteria. Math core senza remore. E nel nuovo album e c'è pure Justin Pearson dei Locust che urla, mai ci fosse bisogno di un po' di violenza in più.

Sadside Project
Un album d’esordio passato purtroppo in sordina. Oggi “Winter Whales War”, una produzione Made-In-Italy che meriterebbe un passaggio in coda al "Late Show" di David Letterman. Potrebbero piacere – e tanto – al di là dell’Oceano: il loro r’n’r suona fresco e senza fronzoli, avendo persino l’ardore di coverizzare i Beach Boys in versione acustica.

Gli Ebrei
Il MI AMI è bello perché ha dentro di tutto e a volte va anche bene mettere da parte la dolcezza e i baci per qualche minuto. Gli Ebrei apriranno il pomeriggio del al Pertini con la durezza e la potenza che li contraddistingue. Tanto noise violento che, perchè no, per alcuni potrebbe risultare molto romantico.

Hardcore Tamburo
Tra i concerti e i dj. In mezzo, lì, ci sono gli Hardcore Tamburo. Tranquilli, ve ne accorgerete, perché sul palco saliranno degli incappucciati che, nascosti dietro il loro passamontagna, spazzeranno tutto quello che hanno davanti distruggendo di colpi dei bidoni metallici. Violenza musicale. Da zero a cento in un niente.

Crono (dj set)
Personaggio fantasmatico, titoli in italiano anche la se label è tedesca – la preziosa Kompakt – manco a dirlo gig in tutta europa, tra istallazioni artistiche e dj set lunghi ore ed ore. Il suono è profondo, a metà tra la deep e la minimal retro-futurista. Roba di gran classe, il Pertini dà il via alle danze.

Ayarcana (dj set)
Producer e dj romano, classe 1988. Ha colpito il suo “Deep Within The Barrens” (free download per PTWSchool Showcase), per la potenza e l'eleganza con cui sa coniugare il verbo techno all'anno 2013. Il modo migliore per chiudere il venerdì del Pertini con gli occhi chiuse, le braccia al cielo e un mondo nuovo in testa.

 

PALCO LA COLLINETTA DI JACK

Dimartino
Disco dell'anno Rockit 2012. Cantautorato dei giorni nostri, ma semplice e ad alta densità di intelligenza&poesia.Noi ve lo diciamo da un po' che questo ragazzo siciliano è un talento puro e adesso che alla spicciolata se ne stanno accorgendo un po' tutti non possiamo che esserne contenti. Avanti allora, facciamola tremare questa Collinetta, tutti in coro: ""Sarebbe bello non lasciarsi mai, ma............." "

Bachi da Pietra
Muto nel dire. Sono anni che Bruno Dorella e Giovanni Succi prendono l'animo umano e lo scuoiano tipo coniglio. Parole dure che aleggiano su una chitarra tagliente, post-(mettete voi cosa), e tamburi che suonano come incudini. Ora si sono concessi pure un album hard rock, cafone e tiratissimo. Metal minimalista.

Gazebo Penguins
Il post-hc come lezione di vita, oppure la vita che finisce nel post-hc (meglio questa). Hanno capito che a 30 anni bisogna far i conti con la propria esistenza e metterla nelle canzoni. Le chitarre incastrate perfette, giro dopo giro. Il pogo sotto palco, ché i muscoli bisogna metterli in mostra. Fuochi d'artificio.

Giuradei
Anche i musicisti si incazzano e a volte fa bene alla loro musica. Come è successo ai Giuradei, fratelli bresciani che cantano l'insofferenza verso tutto quello che abbiamo intorno e ci consolano con splendide canzoni d'amore. Sulla Collinetta di Jack portano il più bell'album cantautorale ascoltato quest'anno.

L'Orso
L'Orso è qualcosa che nasce e cresce tra canzoni che cantano di cose minuscole, come i mobili impolverati dell'Ikea e il tempo passato sui social network. Sul palco, trame musicali leggerissime e testi che lottano con la metrica. Sotto il palco, giovanissimi che si riconoscono nei pezzi e li cantano a memoria.

Bianco
Un cantautore fresco, che ti canta canzoncine piccole belle e poetiche, equilibrate ed oneste, senza la noia e la boria di tanti mediocri vestiti da intellettuali. Bravo Bianco cantaglielo che "saranno le orecchie che tu hai, saranno i baci che mi dai". Chissà se almeno sulla Collinetta scopriremo perchè (la solitudine) c'è.

Threelakes
Messo a pieno titolo nel nostro Spinga Signora Spinga del 2012 (11 nomi appena nati e che un giorno diventeranno grandi), questo emiliano ti accarezza con la sua voce particolare. La band lo segue a dovere. La musica è folk, acida, psichedelica, con queste storie che potrebbero vivere tra l'America e la provincia italiana.

Verbal
Arriva un momento, al MI AMI, in cui si ha voglia di qualcosa che faccia immergere in un suono denso e pastoso, che cancelli tutto quelli che si ha intorno. Necessità fisiologica di astrarsi per qualche minuto, prima di tornare a godersi il festival e la gente. I Verbal sembrano essere nati per quel momento.

 

PALCO DEEZER

Mushy
Roma è un città profonda impregnata di decadenza, tutta la scena dark della capitale è lì a testimoniarlo da decenni. Mushy ci aggiunge la contemporaneità, i viaggi stellari, una visione ben più lungimirante, tra shoegaze ed elettronica. Gli apprezzamenti della Rough Trade, i tour europei diventano dettagli.

Dracula Lewis
Voce indolente su tappeto sonoro noise, psichedelia e tanta droga (immaginiamo). Stati di ipnosi e la vita che si mischia alla spazzatura, in un turbine di cose deludenti. Messa così sembra brutta, in realtà è solo musica ansiogena. Piace a tutti (Pitchfork, NME, ecc ecc). Piacerà anche a voi.

Mohko + Bane
La coppia più cerebrale e scura di San Salvario, quartiere simbolo del rinascimento notturno di Torino. Il primo è un misterioso Syd Barrett dell'elettronica, il secondo un pusher che vive nell'illegalità e ama produrre musica. Arrivano via SRSLY, serata cult dell'Astoria che ha portato il suono bass in Italia.

DNN
DNN è il nome d'arte e battaglia che Daniele Becce – dj, producer e beatmaker – ha scelto per il suo alter ego artistico. Cresciuto fra hip hop e reggae, con il collettivo Well Founded è stato fra i primi a portare il suono bass a Milano (respect!). Al MI AMI, come ogni vero dj, sarà capace di scaldare i cuori e la pista.

DNN

00:00
 
00:00

Pedar Poy + Machete Bass
Internet ha generato dei mostri. Spesso i mostri non sono poi così mostri. Ma prima devono di-mostrarlo. MI AMI apre le porte ai troll: Pedar P.Oy, rapper romano, con i toscani Machete Bass (Ckrono + Slesh) e Lazy Ants, rinomato producer romano. Mezz'ora di musica trap, frasi disgustose e sane risate. Macello!

Say Dubai (dj set)
Entrambi milanesi, Nobel (PTWSchool Showcase) e Uabos (Le Cannibal) si sono conosciuti sui banchi di scuola e sono finiti al banco mixer. Beat malati, synth e suoni del cellulare convivono nella loro release su NoBrainer Records (etichetta di Malente), ma in consolle il loro back to back fa rima con treno.

 

VAI AI CONCERTI DI SABATO

TORNA ALL'INDICE

 

 

Tag: mi ami

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Abbiamo visto in anteprima "Fabrizio De Andrè - Principe Libero"