MI AMI - La Collinetta di Jack Live report, 10/06/2011

22/06/2011

(Foto di Alessandra Rota)

300 battute e un brano registrato durante il concerto. Di Nicola Bonardi (NB), Margherita Di Fiore (MDF), Stefano Fanti (SF), Marcello Farno (MF), Sandro Giorello (SG).



MARIPOSA

(Foto di Antonio Campanella)

Dici Mariposa, traduci evento. Arrivano loro e tutto può succedere: orari e scalette si arrendono alla gioia dell'Arte applicata al pop. La collinetta pare Woodstock, piena di fango e persone, il palco pare un tram pieno di pazzi perfettamente coordinati: sette personaggi che emanano musica, fanno ballare, ridere, cantare come nessun altro. Il MI AMI è più bello quando ci sono anche loro. // NB

(Specchio)

EGOKID

(Foto di Antonio Campanella)

Piedi leggeri e abbandonati a un dolce vagare mi portano nel caldo abbraccio di una collinetta gremita e coinvolta, e tutti a marciare in un percorso di bellezza, pop e piglio elegante tra il romantico e il ballabile, a cantare a strenua voce i brani dell'amore, della passione perduta, degli interminabili viaggi in auto e delle gite al mare. // MDF

(Credo)

COLAPESCE

(Foto di Alessandra Rota)

È il cantautorato romantico di Colapesce ad accompagnare il cielo a tingersi di stelle sulla Collinetta. Luci fioche, sorrisi abbozzati e sguardi che si perdono tra melanconiche note. A metà concerto sale sul palco anche Alessandro Raina, e si finisce col cantare tutti insieme, stretti in un abbraccio che sembra di ripetersi che, stavolta sì, la sera è senza fine. // MF

(La guerra fredda)

DENISE

(Foto di Piero Cruciatti)

Denise mi ha stupito. Al MI AMI 2009 si era fatta una mezza figuraccia portandosi mille strumenti che poi ha usato male. E davanti aveva già parecchio pubblico per essere un'emerita sconosciuta. Invece al MI AMI 2011 è stata tanto brava. Sicura del tipo: io con questa voce ci faccio cosa voglio, che abbia davanti un teatro o una collinetta infangata. Complimenti. // SG

(Burning flames)

MAURIZIO BLATTO

(Foto di Piero Cruciatti)

Per il sottoscritto, uno dei momenti più alti del festival. L'apoteosi si è raggiunta addirittura in fasi. Quando sul palco, insieme al prode Blatto, si sono accostate le chitarre di Paolo Spaccamonti e Stefano PIlia: il cortocircuito tra le parole affilate ed ironiche del torinese e gli svolazzi di chitarra dei due ha fritto tutti i presenti. Per non parlare poi del duetto con Emidio Clementi, siparietto che ti riconcilia pure con il nubifragio caduto qualche ora prima. // SF

(Bassline)

RADIOSYSTEMPUNKT

(Foto di Antonino Bondì)

Fra è un amico, e parlare degli amici, si sa, è sempre dura. Purtroppo non sono rimasti in molti ad ascoltarlo data l'ora tarda, ma la penna del Cremonese è aguzza come sempre, tra evoluzioni strutturalmente ucroniche e fantascientifiche e trasformazioni (a)sociali. Se ve lo siete perso, non riperdetevelo. // SF

(Dieu)

Continua con i concerti di sabato

Torna all'indice



Pagine: Mariposa Egokid Denise Colapesce

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati