MI PENSI: Sipario

29/06/2011 di Elena Marinelli

La sera del 13 giugno, dopo la sbornia musicale del MI AMI, ci siamo trovato all'ARCI Bellezza per la serata del MI PENSI. Una sfida di racconti, che hanno saputo farsi largo tra occhiaie e ronzii nelle orecchie. Partiti dagli ottavi, si è passati attraverso quarti di finale e semifinali. Alla fine l'ha spuntata Elena Marinelli, che ha vinto la finale con un dialogo su un amore finito. Brividi e applausi. L'illustrazione è di Giordano Poloni.




- Lo scotch, senti?
- Che?
- Fa lo stesso rumore, senti?
- Di cosa?
- Lo tiro per chiudere o lo strappo per aprire: è sempre lo stesso rumore.
- Ma sono solo io quella che sta male? Come fai?
- A fare cosa?
- A essere lucido.
- A me viene solo da dire che non eravamo fatti per far andare le cose così.
- Abbiamo provato a essere diversi dagli altri.
- Abbiamo provato e abbiamo fallito. Sei tu che non mi ami più.
- Sei stato felice?
- E questa ora?
- Rispondi.
- Certo, che domande.
- E non bastava?
- Non bastava a te. Tu non sei stata felice.
- No, io sono stata felice. E non è bastato.
- Non è stato abbastanza.
- Abbastanza, cristo, che parola stupida.

- Non è stupida, tu non sei una che s'accontenta e con me era diventato così.
- Non mi hai mai fatto soffrire.
- Meglio no?
- E io?
- No, siamo stati bene, non è meglio?
- No. Perché non trovo un motivo per lasciarti andare.
- Per lasciarmi?
- Per lasciarti andare. Andare via.
- Io non la capisco questa cosa che hai paura di perdermi. Ti fa bene perdermi.
- Non è vero. Quando ci vediamo?
- Non chiedermelo.
- Non ci vediamo più?
- Non ci vediamo, per un po'.
- Quanto?
- Non lo so, vediamo come va.
- Ci perderemo, lo sai?
- Ci perderemo delle cose. Noi, no. Ci stiamo lasciando. È normale.

- E chi l'ha detto?
- Non c'è altro modo. Si fa così. Si fa che ci si lascia non ci si sente e poi ci si ritrova.
- Forse.
- Massì, vuoi che non ci sentiamo mai più?
- Che cazzo mi frega di sentirti e basta?
- Torneremo per quelle cose, ma noi saremo sempre qui.
- Non è vero, tu sei pigro, tu non tornerai mai. O tornerai come gli amici di cui non ricordi più come prendono il caffè e glielo devi richiedere ogni volta, che cazzo di zucchero vogliono.
- Cosa vuoi fare?
- Fare le cose piano, non possiamo fare le cose piano? Lasciarci un po' per volta? Tipo ora non viviamo più insieme, poi non faremo più le feste insieme, poi ci vedremo una volta a settimana, poi una volta al mese, poi una volta ogni due, poi possiamo non vederci più.
- Non funziona.
- Chiudi tu?
- Cosa?
- La porta di casa, dico, la chiudi tu?

Torna all'indice



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    È morta Dolores O' Riordan, la cantante dei Cranberries