Da Raf-Clash a Paola e Chiara-Michael Jackson: gli opening più assurdi della musica italiana

Altro che Maneskin-Rolling Stones: il nostro Paese ha una lunga tradizione di accoppiate da brividi tra gruppi spalla e main act. Dai Beatles con Peppino Di Capri alle Vibrazioni (e pure Pino Scotto) prima degli AC/DC, ecco le più eclatanti. Senza dimenticare il “caso Ramones”

Michael Jackson incastrato tra Paola e Chiara
Michael Jackson incastrato tra Paola e Chiara

"Thank you guys, grazie mille ragazzi!". Chi avrebbe mai immaginato di sentire dire queste parole da Mick Jagger parlando dei Maneskin? Lo show con cui i quattro ragazzi italiani hanno incendiato Las Vegas prima del concerto dei Rolling Stones è solo uno degli ultimi traguardi incredibili – e inspiegabili – che la band sta riscuotendo quest'ultimo anno. Ma non si tratta certo del primo caso: dalla storica tournée dei Beatles con Peppino Di Capri al lancio di carta igienica per Le vibrazioni prima degli AC/DC a Udine nel 2010 (e con Pino Scotto in veste di paciere tra pubblico e band), passando per Paola e Chiara nel 1997 a San Siro prima di Michael Jackson, ecco le accoppiate più assurde tra le icone della musica mondiale e gli artisti di casa nostra.

Peppino Di Capri e Beatles

video frame placeholder

Le Ombre, Guidone e gli Amici, Angela, i New Dada, Fausto Leali e i Novelty, Peppino Di Capri e i Rockets, i Beatles: questo era il programma della giornata del 24 giugno 1965 al Velodromo Vigorelli di Milano, con una assurda sfilza di nomi – con il twist di Peppino Di Capri, all'epoca 26enne, come ultimo act – ad anticipare i Fab Four, in piena Beatlemania, che suonarono appena una manciata di canzoni in 35 minuti. Dopo altri due concerti a Genova e Roma nei giorni successivi, John, Paul, George e Ringo non suonarono più in Italia.

Big del Cantagiro e Led Zeppelin

Di nuovo protagonista il Vigorelli, questa volta con una tragedia sfiorata che è diventata celeberrima, con la prima e ultima volta per i Led Zeppelin in Italia, il 5 luglio 1971. La scelta dell'organizzazione di unire a quest'occasione unica il carrozzone del pop italiano del Cantagiro – Gianni Morandi (preso a pomodorate), Milva, Mia Martini e molti altri – si rivelò un disastro: la polizia, che nel frattempo stava affrontando le proteste degli autoriduttori all'esterno del velodromo, iniziò a tirare fumogeni all'interno e all'esterno, scatenando un putiferio e costringendo la band inglese a smettere di suonare dopo 20 minuti. È un miracolo che non ci sia scappato il morto. 

Raf e Clash

video frame placeholder

La storia del concerto gratuito dei Clash a Bologna in piazza Maggiore il 2 giugno 1980 è talmente nota da essere diventata una sorta di mito. Tra le contestazioni dei punk più estremisti e il visibilio dei fan venuti da tutta Italia, c'è un dettaglio che ha dell'assurdo nella leggenda di quella serata: prima di Joe Strummer e soci a salire sul palco furono i Cafè Caracas, prima incarnazione artistica di un ancora sconosciutissimo Raf (con pure Ghigo Renzulli in formazione), che vennero ricoperti di insulti e sputi.

Ramones e Litfiba

Ok, magari vedere i Ramones e i Litfiba succedersi sullo stesso palco non è poi sta stramberia, ma in quest'ordine? È quello che successe il 6 luglio del 1991 a La Spezia, quando ci fu l'incrocio tra il tour mondiale della band americana – in fase calante, d'accordo, ma stiamo pure sempre parlando dei Ramones – con Piero Pelù e soci, al loro picco di fama con la pubblicazione di El Diablo. Chissà che avranno pensato Joey e Johnny.

Paola e Chiara e Michael Jackson

video frame placeholder

18 giugno 1997, Michael Jackson arriva a San Siro per quello che sarebbe poi stato il suo ultimo concerto in Italia di sempre. Prima di lui salgono sul palco due sorelle che appena qualche mese prima vincevano il Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte: Paola e Chiara. Pare non fu un'esibizione indimenticabile, per usare un eufemismo, poi cancellata dal Re del pop, all'epoca ancora sul suo trono prima del triste declino dell'ultima parte della sua vita.

Le Vibrazioni e AC/DC

video frame placeholder

Pur essendo stati scelti da Angus Young in persona, Le Vibrazioni messe prima degli AC/DC, alla loro unica data italiana del loro Black Ice Tour, il 19 maggio 2010 a Udine, furono un disastro annunciato. Un live che iniziò con i fischi del pubblico, seguiti da lanci di carta igienica e diti medi a profusione. La situazione sarebbe rientrata solo con l’intervento di Pino Scotto, salito sul palco per fare una cover di Rock 'n' Roll dei Led Zeppelin. Surreale.

---
L'articolo Da Raf-Clash a Paola e Chiara-Michael Jackson: gli opening più assurdi della musica italiana di Redazione è apparso su Rockit.it il 2021-11-17 10:00:00

Tag: live

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • facchin.alberto60 19 g Rispondi

    Apprezzabile i riferimenti storici, anche io ho visto il mitico Frank Zappa a Bolzano negli anni '80, ma non ricordo chi aprì il concerto del siculo-americano...

  • UhUhUh 19 g Rispondi

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!