Bluvertigo - ? - Milano Live report, 01/04/1998

01/04/1998 di Davide Baroncelli



Mi ero ripromesso di non andare più ad un loro concerto, dopo il pacco del Binariozero, ma sapevo che alle Scimmie non c'è la consumazione obbligatoria, quindi... Comunque, le Scimmie sono di certo l'ultimo posto, dove mi aspettavo di vedere i Bluvertigo. Morgan si rende conto di essere in uno dei templi del jazz milanese e, con il suo solito stile, decide di non farsi intimorire e di prenderla sul ridere dicendo che sarà una serata "jazz". Non si capisce bene se prenda per il culo il mondo del jazz o se stesso (giudicate voi qual'è l'ipotesi più probabile...); ad ogni modo è chiaro fin dall'inizio che non sarà così.

Il concerto comincia con solo mezz'ora di ritardo, ma è Mauro Pagani con il suo gruppo a suonare. Tutti pensano che sia un pesce d'Aprile, ma la presenza dei quattro bei tenebrosi in sala lascia pensare che presto metteranno fine all'esibizione del glorioso polistrumentista il quale propone per una mezz'oretta una sfilza di banalità rock senza infamia e senza lode (soprattutto senza lode), e si riscatta sul finale suonando "Creuza de ma". Morgan, a richiesta, mi dice che suoneranno qualcosa di "diverso" dal solito: in particolare, dice, faranno "improvvisazione psichedelica".

Infine salgono sul palco e si capisce che ilconcerto sarà all'insegna del disimpegno. Morgan e Livio suonano da seduti, ed i suoni sono un po' dimessi (il tutto sa un po' di "unplugged"), ma tutto sommato è un bene, perché almeno si distingue ciò che suonano e non saltano i timpani come al binariozero. Solo le tastiere sparano un po', ma nel complesso va tutto benissimo (considerato che alle scimmie NON c'è posto per il mixerista). Comincia il concerto, i BV suonano "vertigoblu", poi "le arti dei miscugli", seguita da "Cieli neri" e da un pezzo in inglese che, ahimé, non conosco (forse è qualcosa di Bowie).

Io, nel frattempo, mi domando dove sia l'improvvisazione psichedelica, mentre parte "l'odio". A metà canzone comincia il colloquio con il pubblico: "quali sono i generi che detestate di più"? Un po' di casino e poi Morgan sintetizza "noi odiamo il walzer ed il liscio in generale", ed attaccano con un esilarante walzer (con andy al sax) in stile "sagra dello gnocco". Il gioco piace, ed allora lasciano andare un po' le briglie: si arriva ad uno sfottò dell'hip-hop ("vi faccio un testo hip-hop, ora... bella lì... ci sto dentro... ce n'è... ah sì, poi si autocitano... Bluvertigo nella casa...") il tutto è un po' pecoreccio ma molto divertente, si susseguono vari accenni di pezzi famosi incastrati al volo (un famoso hit disco anni 70 di cui ora come ora non ricordo il nome, poi Notorius dei Duran Duran), per poi ritornare all'odio. Segue un altro pezzo che non conosco (la butto lì, saraà stato "god's monkey" di Silvian/Fripp?), poi Complicità, Girls & boys dei Blur. Fin qui improvvisazione poca, psichedelia niente. Ma comincia "altre f.d.v", che per quanto sia meno carica di elettronica del solito, è abbastanza coinvolgente (il pubblico è abbastanza caldo, la temperatura delle scimmie molto di più, a causa dell'assenza di sistemi di ventilazione...). Dopo un andamento prevedibile... finalmente la psichedelia, che ovviamente suona un po' come gli esperimenti dei pink floyd dei primi anni '70. Non male, per un patito come me, tutto già sentito, ma il bello dei bluvertigo è il gusto del ripescaggio, chissà se un giorno su un tessuto simile avranno il coraggio di farci una canzone. Il concerto continua, suonano "heroes" di Bowie, poi rimangono sul palco solo Andy e Morgan e si uniscono a loro gli elementi del gruppo di Mauro Pagani (il quale, a proposito, ha lavorato da guastatore fino a questo punto, come al solito facendo finta avanguardia suonando a caso sui pezzi). Suonano un pezzo prog che non conosco, forse di Pagani, ma lo tirano MOLTO in lungo (considerato che son due accordi) e comincia a farsi tardi. L'atmosfera si fa un po' scazzata, molto distesa, ma io non reggo più, sono le due... Resisto fino a sentire "the long and winding road" (in cui, mi dicono, Morgan canta le strofe in un ordine qualunque e sbagliucchiando il testo...) poi me ne vado. Sono graditi contributi per la fine del concerto! Nel complesso il tutto è stato "carino", direi: un concerto simpatico, abbastanza energico, un po' inadatto al luogo (soprattutto quando con Pagani si mettono a suonare "take five" di Brubeck per "fare jazz", veramente pietoso per un amante del genere, soprattutto Andy che si incarta su uno pseudo assolo elettronico al cui confronto i riff di tastiera dei depeche mode erano Rachmaninov...) ma molto efficace, e piacevole. Sette più!



Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Arriva a Bologna il biglietto sospeso per chi non può permettersi un concerto