I Ministri raccontano il nuovo album con un bellissimo foto report

Davide Autelitano nei corridoi del Funkhaus Studio - Davide Autelitano ministri foto reportDavide Autelitano nei corridoi del Funkhaus Studio - Davide Autelitano ministri foto report
09/09/2015 di

Il prossimo 18 settembre uscirà “Cultura generale”, il nuovo album dei Ministri. Come vi abbiamo già anticipato, il nuovo lavoro, il quinto per la band milanese, è stato registrato al Funkhaus di Berlino da Gordon Raphael. Al momento sono già stati presentati in ascolto due brani: “Balla quello che c'è” e “Estate Povera”.

Oggi i Ministri hanno pubblicato sul loro blog una serie di foto di Chiara Mirelli che raccontano bene i giorni passati in studio. Ve ne riportiamo alcune:



"La regia dello Schaltraum, tra gli studi alloggiati al Funkhaus probabilmente il più punk, è una di quelle stanze che ancora ringrazia l’invenzione del grandangolo. Nella sua versione 3D (ovvero in realtà) è infatti una sorta di angusta sala da stiro, con divanetti su cui è difficile addormentarsi e impossibile moltiplicarsi – gli amici in visita è bene stiano sulla porta, sempre che non si siano persi prima di arrivarci".
 



"Per rendere ogni canzone un momento unico e irripetibile, prima dell’esecuzione, un microfono d’ambiente veniva spostato senza calcoli o misurazioni nello stanzone di ripresa, in una sorta di art attack della microfonazione. Nella foto, una delle riprese d’ambiente più ardite – dal centrocampo del calciobalilla".




"Lo scenario apocalittico che arreda la parete nord della regia è la Heizkraftwerk Klingenberg, un gigante poco distante dallo studio che distribuisce calore a mezza Berlino e nel frattempo produce nuvole. Dopo due settimane, al tramonto, la si guardava con la riverenza che si dedica alle montagne".



"La splendida sala di ripresa dello Schaltraum, una vera e propria voce aggiunta alle canzoni – un riverbero che è rimasto come il ricordo di cosa volesse dire essere lì dentro e non altrove".

(Guarda tutte le foto)

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati