Mixtape Furgone #12: Albedo Rubrica

AlbedoAlbedo
07/07/2014 di Simone Stefanini e Alice Tiezzi

Ci siamo fatti una domanda molto semplice: perché non dare spazio alle cassettine, ai cd fatti in casa, alle pennette piene di mp3 che ascoltano i musicisti in furgone, durante gli spostamenti del tour? Tutte le playlist di questa nuova rubrica sono curate personalmente dagli artisti in questione. La dodicesima puntata del nostro viaggio nella musica ascoltata dalle band in tour. È il turno degli Albedo.


Doverosa premessa: qualsiasi cosa si cerchi di ascoltare in furgone viene prima o poi etichettata come "si bello ma vuoi mettere?" da Ruggiero (il batterista) che mettendo play su un qualsiasi album dei Pink Floyd ci azzitisce appropriandosi indebitamente del lettore. Comunque una probabile tracklist di un viaggio qualsiasi degli Albedo più o meno è questa:

Jets to Brasil - Perfecting Loneliness 

Così, per partire carichi carichi.Come a dire "FORZA". Comunque immancabili. Se poi la data è andata male, cala un silenzio imbarazzante.
 

Pedro the Lion - Rapture

Quando pensi che l'agonia sia finita parte Pedro the Lion. Ed è subito voglia di tornare a casa.
 

Thrice - Image of the Invisible

È solo a questo punto che sfodero una delle mie battute preferite a Ga (basso) e Ruy: "Hai anche musica per grandi nel lettore?". Grosse risate ma nessuna leva i maledetti Thrice.
 

Arcade Fire - Ready to Start

Spero ci si renda conto che ci sia la necessità di sentire un pezzo come questo per dire "oh, siamo nel 2014, merda!".
 

The National - Bloodbuzz Ohio 

Nessuno di noi va veramente matto per i The National, ma tutto sommato è un compromesso accettabile per i viaggi in generale. E poi cazzo, li ascoltano tutti. Ci sarà un motivo.
 

Moderat - Bad Kingdom

L'elettronica la metto io (Raniero, vox). Più che altro per dare fastidio a tutti gli altri. Non che ne vada pazzo davvero. Chiamiamolo KARMA.
 

Perturbazione - Agosto

Uno dei pochi gruppi Italiani che mette d’accordo tutti, senza mettersi le mani addosso. NOTA: solitamente è impossibile ascoltare quasi per intero un pezzo in italiano perchè si cominciano dei discorsi lunghi ed impietosi sulla scena indie per terminare con secco "MA TU NON CAPISCI UN CAZZO".
 

Gouton Rouge - Sbiadire

Ci sembra perlomeno educato in ogni viaggio sentire un disco prodotto dalla nostra etichetta, quindi da Michele Montagano, più che altro è una scusa per poterlo insultare successivamente. Ma questo gruppo ci piace davvero e il disco è una chicca, considerando che sono molto ciòvani.
 

Pink Floyd - The Great Gig in the Sky

È davvero impossibile darla vinta a Ruggiero, persona dal carattere di ferro e la testa di cazzo. Però onestamente ci viene difficile chiedere di "skippare" questo pezzo.

Tag: mixtape furgone

Commenti (1)

  • Claudia Contu 14/03/2015 ore 16:37 @claudia1

    Ma ascoltate i Thrice, siete semplicemente dei grandi

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Il nuovo singolo dei Måneskin è l'ultimo dei loro problemi