Departure Ave - Mixtape Furgone Rubrica

Departure AveDeparture Ave
10/06/2015 di Alice Tiezzi e Simone Stefanini

Ci siamo fatti una domanda molto semplice: perché non dare spazio alle cassettine, ai cd fatti in casa, alle pennette piene di mp3 che ascoltano i musicisti in furgone, durante gli spostamenti del tour? Tutte le playlist di questa nuova rubrica sono curate personalmente dagli artisti in questione. È il turno dei Departure Ave:

"Love is how you make it" - Gong

È difficile riuscire a sintetizzare in un brano ironia, virtuosismo, suoni incredibili e groove. I Gong ci riescono praticamente sempre, in questo brano lo fanno con particolare eleganza.

 

"Lately" - Isobel Campbell & Mark Lanegan

Siamo fan sia dei Belle and Sebastian che dei numerosi progetti di Mark Lanegan. Lately però porta entrambi questi artisti in un’altra dimensione, facendo diventare l’autrice scozzese e il cantante americano un duo soul - gospel.

 

"Show Business" - A tribe called quest

È un disco seminale, ha un bellissimo testo, è stato probabilmente il disco che ci ha fatto appassionare alla musica hip hop.

 

"I am trying to brake your heart" - Wilco

È il brano d’apertura di uno dei dischi preferiti della band. Tre accordi, ma con un arrangiamento degno di un’orchestra, il testo di un poeta. La sua bellezza ci sorprende ogni volta.

 

"This must be the place" - Talking Heads

Speaking in Tongues accompagna il gruppo dalle session del primo disco, non lo abbiamo mai abbandonato da quel momento. 

 

"Cosa succederà alla ragazza" - Lucio Battisti

Il periodo della collaborazione tra Battisti e Panella è il meno celebrato, ma per noi quello più interessante. Il giro di basso più fico della storia della musica italiana. Eccolo:

 

"Phantasmagoria in Two" - Tim Buckley

Uno dei pezzi d'amore più belli mai scritti. Tim Buckley è stato un cantante e un musicista fantastico, purtroppo non hai mai raggiunto il riscontro commerciale che meritava quando era in vita. Un motivo in più per metterlo in questo mixtape.

 

"Time Between" - Byrds

E’ difficilissimo scegliere un pezzo da “Younger than Yesterday”, capolavoro dei Byrds del 1967. "Time Between" parla dell'amore a distanza. "Don't say you love me, don't say you care, you're so far away" può essere un verso piuttosto tagliente quando si è lontani da casa.

 

"Lightning" - David Byrne & St. Vincent

"Love this Giant" è la meravigliosa collaborazione tra due artisti incredibili, i pezzi sono bellissimi, gli arrangiamenti geniali. La banda di ottoni con il suo groove da un ritmo straordinario al viaggio.

 

"Julie with" - Brian Eno

È uno di quei pezzi che conquista l’attenzione di tutti i passeggeri con la sola forza della sua atmosfera delicata e rarefatta, ascoltarlo in viaggio esclude ogni rumore esterno.

Tag: mixtape furgone

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI LA RECENSIONE:

    YARN