Jhon Montoya: 5 consigli per produrre bene spendendo poco

montoyamontoya
16/12/2015 di

 Jhon Montoya è uno dei producer che più ci ha stupito quest’anno. Il suo album “IWA” mescola sonorità etniche a quelle elettroniche raggiungendo dei punti a dir poco mistici. Quale miglior nome a cui chiedere qualche buon consiglio per produrre una traccia senza spendere nemmeno un euro? Ecco cosa ci ha risposto.

1. La ricerca è fondamentale
È importantissimo avere le orecchie sempre aperte e curiose. Le idee si trovano ovunque: un colore di suono, un motivetto melodico, un ritmo. Non sottovalutare cos’hai intorno perché è proprio lì che si nascondono gli stimoli nuovi.

2. Ordine / Disordine
L'essere ordinato vi aiuta a trovare facilmente delle vecchie idee o programmi che vi possono servire (un plug-in del quale non ricordavate il nome, ad esempio) ma, allo stesso tempo, il disordine può giocare a vostro favore. Siate disordinati, lasciate file in giro, dimenticatevi apposta di cancellare le tracce. Magari sono "errori" che prima non vi servivano e poi, eureka!, ci stanno da Dio con quello che state facendo.

3. Non si butta via niente
Come dicevamo nel punto precedente, gli spunti che in un primo momento pensavate inutili si possono rivelare fondamentali in seguito. A volte bisogna saper leggere il futuro nelle idee: certe danno il meglio proprio nel momento in cui credevate che non servissero più. Vedrete: sicuramente non tutte, ma trovarne una buona ripagherà lo sforzo di tanta ricerca.


4. Evita di usare troppi plug-in
A mio avviso l’avere troppi plug-in danneggia la creatività. Paradossalmente restringe di molto la scelta dei suoni e, soprattutto, ti spinge a ricadere su soluzioni standard, con il rischio di avere timbri già sentiti e tutti uguali.

5. La strumentazione
Se avete la possibilità di provare le melodie con strumenti veri, avrete una marcia in più. Senza nulla togliere a chi non sa suonare un strumento, fare prove di questo tipo vi darà la possibilità di combinare suoni “veri” con quelli digitali. Il brano sarà molto più “corposo” dal punto di vista timbrico e assumerà sfumature più sperimentali. Bisogna usare tutti i modi possibili per rendere unico il tuo suono.

Tag: tutorial

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Porno per sapiosessuali su Rai1: Alberto Angela intervista Paolo Conte nelle Langhe