MTV brand new tour - Milano Live report, 29/03/2001

03/04/2001 di Paolo Lo Manto



Ovviamente in ritardo, mi incasino nel caotico traffico milanese in mezzo ad un mare di gente che torna dall’ufficio, bestemmio per trovare un parcheggio decente, ma mi arrendo e lascio la macchina in vergognoso divieto di sosta. Mi incammino per raggiungere il Rolling Stones, e sotto un diluvio torrenziale scopro che per entrare mi tocca incolonnarmi insieme ad un’orda di ragazzine urlanti. Dubito che il posto ci possa contenere tutti, ma con grande sorpresa scopro che il Rolling e’ anche dotato di una confortevole piccionaia in grado di contenerci tutti. Le condizioni sono quasi disumane: caldo pazzesco e acustica terribile. Se a questo aggiungiamo una pessima vista, direi che le premesse per ascoltare con serenità la seratina che Mtv ha organizzato ci sono tutte.

Il primo gruppo ad esibirsi sono i Quintorigo, bravi ed originali, almeno così mi dicono visto che mentre loro suonavano io smadonnavo in fila. A ruota occupano il palco i Velvet…spero che nessuno si offenda, ma tralascerei ogni giudizio, o veramente qualcuno vuol sapere cosa ne penso?

Tocca poi ad un onesto set di Capa Rezza, rapper dalla chioma leonina, peccato solo che nel nostro loggione l’acustica uccidesse ogni tentativo di capire anche una sola parola.

Grande resa per la performace degli Shandon, scatenati ed in grado di reclutare sul palco un sacco di gente sia tra il pubblico che tra gli altri musicisti. Gustoso anche il loro repertorio con cover più o meno rimaneggiate (una su tutte: la gradevole versione di “Seek and destroy”). Gli Otto Ohm mi avevano sempre incuriosito e la loro esibizione mi ha convinto che siano un gruppo interessante ed di buon effetto.

A chiudere i Tiromancino, davvero bravi, e’ sempre un piacere sentirli dal vivo.

Quasi dimenticavo, in mezzo c’è stata una comparsa del gruppo vincitore del concorso di Mtv. Per un giudizio…tornate al non-commento sui Velvet!!!

Che dire? Serata onesta anche se è notevole il disagio di sentirsi parte della “grande famiglia Mtv” tra un mare di adolescenti che riconoscono gli artisti solo per: ”ma si sono quelli che hanno fatto quel video…”!



Pagine: Quintorigo Shandon Tiromancino

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Wilma De Angelis canta "Non è per sempre" degli Afterhours